energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Calvana:la protesta dei genitori con striscione e niente funerale Cronaca

Nel giorno del funerale i genitori di Franco Lori, il bambino di 11 anni morto tre giorni fa durante un'escursione con la parrocchia di Paperino sul Monte Calvana, sopra Prato, fanno sentire la loro voce di protesta. L’hanno fatto in un modo silenzioso quanto plateale e irruento: esponendo da questa mattina, sulla facciata di casa, uno striscione con scritto “Quinto comandamento: non uccidere”. Tra l’altro la loro casa si affaccia proprio davanti alla chiesa di Paperino, la frazione di Prato in cui la famiglia Lori si è trasferita da circa un anno. Un chiaro messaggio inviato dai genitori di Franco, che hanno perso il loro unico figlio, a tutti i soggetti interessati: parrocchia, diocesi, 118, soccorritori. Secondo quanto riferito da uno dei due legali che curano gli interessi dei Lori l'autopsia, eseguita all'ospedale fiorentino di Careggi, non avrebbe rilevato macroscopiche malformazioni. Nel pomeriggio alle ore 15 i funerali, senza però rito religioso funebre. Anche questa una decisione che farà discutere. La salma sarà tumulata nel cimitero di Poggio a Caiano, paese originario della famiglia. Momenti di preghiera di suffragio invece si terranno da parte della diocesi: questa sera nella chiesa di San Martino a Paperino si tengono un rosario e una messa, celebrata dal parroco don Carlo Gestri. Partecipano i giovani animatori dell’oratorio, i genitori dei bambini del Grest e i parrocchiani. Saranno presenti alcuni rappresentanti degli altri oratori parrocchiali promossi sul territorio diocesano. Domani, sabato 30 giugno, invece alle 18, sempre a Paperino Messa presieduta dal vescovo di Prato mons. Gastone Simoni. "Oggi, particolarmente, è il giorno del dolore, del silenzio e della preghiera per Franco e per la sua famiglia", ha detto il Vescovo.
 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »