energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Camera di Commercio, addetti servizio rilascio digitali in sciopero Cronaca

Firenze – Non sarà qualche ora di sciopero: iniziato ieri, valido tutt’oggi e di nuovo in corso domani e dopodomani, lo sciopero degli addetti al Servizio Rilascio Digitali della Camera di Commercio di Firenze procede spedito per giorni.  Causa dell’iniziativa, il fatto che i “somministrati” che operano da 7 anni nel ‘Servizio” si sono visti dare il benservito dall’Agenzia per il Lavoro Job Camere.  

La vicenda è dotata di una certa complessità, come spiega Nidil Cgil Firenze: “La Camera dei Commercio di Firenze gestiva il proprio ‘Servizio Rilascio Digitali’ tramite convenzione con ‘IC Outsourcing’ che, a sua volta, per il servizio usava personale somministrato dall’ Agenzia per il Lavoro ‘Job Camere’ – spiega la nota – tutto bene per anni, 7 per l’esattezza, poi la Giunta Camerale di Firenze ha deciso di rescindere anticipatamente la convenzione con IC Outsourcing che dunque non ha più bisogno dei 5 somministrati da Job Camere. Ne è derivato che l’Agenzia, che nel frattempo è stato messa in liquidazione volontaria, ha dato ai cinque il benservito a partire dal 1° febbraio prossimo”.

 La storia riguarda lavoratori che con alta professionalità che per ben sette anni si sono guadagnati lo stipendio e ora sono a rischio. Il motivo? Non certo perché sia scomparso il lavoro che facevano, quanto piuttosto, spiega il sindacato, “perché qualcuno ha deciso di farlo fare a qualcun altro”.

La scelta, dice Cgil, è politica. Non c’entrano la crisi e la legge di mercato, in questo caso, ribadisce il sindacato, ma la scelta della Camera di Commercio di Firenze di togliere un proprio servizio a ‘IC Outsourcing’ per affidarlo a PromoFirenze. PromoFirenze, ricorda Cgil, ” ha aperto una procedura per licenziamenti collettivi”.

E così, sciopero, uno sciopero che andrà avanti fino alla fine del 2015. La richiesta della Nidil Cgil è quella di un incontro con Leonardo Bassilichi, presidente di Camera di Commercio di Firenze, per aprire un confronto sulla sorte dei lavoratori.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »