energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il campione dei 300 siepi Lambruschini premiato a Fucecchio Notizie dalla toscana

Fucecchio (Firenze) – “Il keniano bianco di Fucecchio”: così Gian Carlo Chittolini, storico allenatore di Alessandro Lambruschini, ha definito il suo pupillo nella biografia che racconta la lunga carriera e le imprese nei 300 siepi, disciplina nella quale Lambruschini si è laureato campione d’Europa a Helsinki nel 1994 ed è stato vincitore della medaglia di bronzo alle olimpiadi di Atlanta nel 1996. Il libro è stato presentato questa mattina a Fucecchio nel palazzo comunale, insieme ad una interessante mostra fotografica che ripercorre la carriera di Lambruschini.

Durante la presentazione, alla quale è intervenuto anche il presidente regionale della Fidal Alessio Piscini, il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli ha premiato Alessandro Lambruschini e ha ricordato il suo impegno attuale come organizzatore e promotore della mezza maratona “Città di Fucecchio”.

“Dopo aver portato il nome di Fucecchio nel mondo grazie alle sue straordinarie imprese – ha detto Spinelli – Lambruschini ha legato il proprio nome all’evento sportivo più importante della nostra città portando “il mondo dell’atletica leggera” a Fucecchio. Grazie al suo impegno, alla sua disponibilità e alla sua grande umanità, un evento sportivo nato soltanto nel 2005 è diventato, in breve tempo, un appuntamento di grande livello nel panorama nazionale dell’atletica leggera. Ho conosciuto Alessandro quando sono diventato assessore allo sport è ho capito subito che in lui, oltre che un importante sostegno, avrei trovato un amico”.

La cerimonia è stata impreziosita dagli aneddoti, legati alla carriera di Lambruschini, raccontati da Gian Carlo Chittolini e dalla presenza di tanti appassionati di sport, di tanti semplici cittadini che non hanno voluto mancare all’evento per salutare il campione più famoso di Fucecchio. Un campione partito da una società sportiva di una piccola frazione, l’U.S. Querce, e arrivato fino ai più grandi palcoscenici internazionali.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »