energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Cantiere bloccato ad Arcetri, indaga la Procura Cronaca

Un fascicolo esplorativo è stato aperto dalla Procura di Firenze sulla vicenda del passo carrabile e di un percorso pedonale aperto in un terreno privato, fra gli ulivi di Arcetri, in via Suor Maria Celeste.
Il cantiere era stato bloccato nei giorni scorsi da un provvedimento emesso dalla direzione urbanistica del Comune di Firenze che ingiungeva l'immediata “sospensione di tutte le opere in corso di esecuzione”.

Il cantiere aperto nella zona di particolare valore paesaggistico era stato sottoposto a sopralluogo dai tecnici del Comune, sopralluogo che aveva convinto l'assessore Elisabetta Meucci a dar luogo al provvedimento di sospensione “che resterà in vigore – aveva preannunciato Meucci – finchè non avremo valutato in maniera approfondita la conformità dell’intervento nel suo complesso”.

Lo strumento attraverso cui la proprietà aveva potuto procedere ai lavori era stato la Scia ((Segnalazione Certificata d'Inizio Attività Edilizia), presentata nel novembre 2012 per la realizzazione sia del passo carrabile che del percorso pedonale che dovevano portare accesso a due unità immobiliari e ad alcune “sistemazioni esterne”.

Fra i progettisti che hanno avuto nel tempo l'incarico di occuparsi dell'intervento in via Suor Maria Celeste, anche un nome conosciuto, quello del geometra Alberto Vinattieri, attualmente sotto processo insieme all'architetto Riccardo Bartoloni e al geometra Alberto Formigli, quest'ultimo ex-capogruppo del Pd in Comune. Tutti, compreso Vinattieri, facevano parte della Quadra Progetti, la società nota per l'accusa sostenuta dalla Procura che celasse una vera e propria fabbrica di “corsie preferenziali” per quanto riguardava permessi e altre autorizzazioni di pertinenza degli uffici comunali dell'Urbanistica.
Nel caso in esame, Vinattieri si sarebbe visto affidare la pratica dal proprietario della villa nel 2007 per quanto riguarda le sistemazioni esterne, e in pochi mesi avrebbe avuto l'autorizzazione paesaggistica e l'assenso della Soprintendenza. Nel 2011 poi  subentrò un nuovo progettista.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »