energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Capolavoro viola: Inter annichilita e primato in classifica Sport

Frenze – La Fiorentina distrugge letteralmente l’Inter davanti ad un incredulo pubblico di San Siro vincendo per 4-1 in una partita senza storia e si prende il primo posto in classifica che non occupava dal 1999. Troppo forte la squadra di Sousa, apparsa già dai primi minuti più concentrata ed in partita rispetto agli undici di Mancini, disuniti e senza idee di gioco, con evidenti difficoltà di equilibrio tra i reparti ed una difesa in balia dei movimenti del duo Ilicic – Kalinic, autori dei gol viola.

E la chiave del match sta proprio nell’impostazione tattica data da Sousa alla sua squadra, con Borja e lo sloveno oramai ritrovato a sostegno di un Kalinic che ha già fatto dimenticare (ci voleva poco) mister 20 milioni Gomez segnando una tripletta da sogno al portierone milanese Handanovic, i cui errori di stasera rimarranno per molto negli occhi del suo tecnico e dei tifosi interisti. Perchè se la Fiorentina ha giocato bene, dobbiamo ammettere che è stata aiutata non poco dal numero uno interista che dopo 4′ di gioco ha controllato male un passaggio di Medel atterrando poi Kalinic cercando di recuperare: sul dischetto va il connazionale Ilicic che segna con un tiro potente.

L’uno a zero galvanizza i viola che ancora con Ilicic vanno al tiro dalla distanza, Handanovic devia male il pallone traccheggiando troppo a terra e Kalinic si presenta per il tap-in.. Un inizio difficile si trasforma in un incubo per i nerazzurri che subiscono ancora le scorribande viola con un Alonso in versione Roberto Carlos: dribbling in velocità a scavalcare Medel, palla perfetta nel mezzo ancora per Kalinic, azione fotocopia del gol contro il Bologna di 4 giorni fa. Estasi viola e siamo appena al 24° .

L’Inter appare stordita a causa dei continui cambi di modulo di un Mancini in cerca di un assetto che possa dare equilibrio ad una squadra in difficoltà, con Medel schierato difensore centrale risucchiato continuamente dai movimenti di Ilici e favorendo così le verticalizzazioni di un Kalinic scatenato che involandosi verso la porta subisce fallo da ultimo uomo da Miranda che rimedia così un rosso ineccepibile. Il primo tempo si chiude 3-0 con un dominio viola a tutto campo e un Badelj in stato di grazia.

La ripresa sembra una formalità ma Icardi cerca di riaprire il match segnando su papera di Tatarusanu, fino a quel momento inoperoso. Piccolo incidente di percorso perchè la Fiorentina controlla il risultato da grande squadra e colpisce quando c’è bisogno: Ilicic inventa per Kalinic che deve solo spingerla dentro: 4-1. Partita chiusa, i tifosi viola cantano “il pallone è quello bianco”, Sousa sorride ed esulta soddisfatto: “È una grande soddisfazione vedere i ragazzi lavorare bene e raccogliere i frutti del lavoro svolto. Ho sempre sottolineato l’attitudine al lavoro dei miei ragazzi, sono davvero soddisfatto. Ogni avversario ci mette in difficoltà, ogni gara è diversa. Toccherà a noi fare sempre meglio per ottenere il risultato, per un allenatore è un grande soddisfazione vedere la propria squadra fare quello che viene chiesto su un campo difficile come quello dell’Inter”.

Una squadra che sembra seguirlo ciecamente e migliorare di partita in partita, facendo propri i dettami sia tattici che caratteriali del tecnico lusitano. Che getta acqua sul fuoco di facili entusiasmi: “Scudetto? Dobbiamo essere realisti, ci sono squadre molto più attrezzate. Ovviamente non mi tiro indietro, con ambizione e coraggio affronteremo le gare con un solo obiettivo, vincere. Per adesso ci siamo riusciti spesso, ma gli avversari sono tanti e difficili”.

Sulla partita il commento è entusiasta: ” La squadra ha personalità, oggi la partita si è messa subito bene per noi. Non abbiamo mai abbassato i ritmi di gioco, complimenti ai ragazzi per come hanno interpretato la partita. Kalinic è un giocatore che ci dà molta profondità, ha subito avuto una buona intesa con i compagni. Lavora tantissimo, è molto umile e tecnicamente è troppo forte”.

E in una serata come questa anche Andre Della Valle ha voluto esprimere la sua felicità e soddisfazione per una prestazione da grande:I ragazzi stasera mi hanno fatto un grande regalo per i miei 50 anni. E’ stata una prestazione straordinaria, ha funzionato tutto. Dobbiamo continuare così a testa bassa, con tranquillità e umiltà. Ci tengo a dedicare questa vittoria ai nostri tifosi, sono la cosa a cui sono più legato. Obiettivi? Giocare bene e far divertire i nostri tifosi, che devono sempre essere orgogliosi di questa squadra. Abbiamo un allenatore capace e un gruppo forte”.

E da stasera sognare è lecito. 

 

Foto: www.calcioweb.eu

Print Friendly, PDF & Email

Translate »