energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Carfagna: “Le donne dimenticate nel contratto di Di Maio e Salvini” Politica

Pescia – Una strada ed una sede gremita da molta gente festosa, è stata quella che ha atteso l’arrivo della deputata di Forza Italia Mara Carfagna a Pescia, ieri pomeriggio. Uno dei Comuni della Toscana , e dell’area pistoiese , che andrà al rinnovo amministrativo il 10 Giugno prossimo.

Ad accompagnarla Debora Bergamini, che assieme a lei ha effettuato diverse tappe elettorali nella giornata, partendo da Firenze per passare a Massa, e poi a Pescia per terminare a Poggio a Caiano in una cena assieme ai sostenitori toscani ed all’On. Stefano Mugnai che l’ha accolta sin dalla mattina nella tappa fiorentina.. Ad attendere la deputata, i neo eletti On.le Maurizio Carrara e la senatrice Barbara Masini, oltre al Coordinatore provinciale di Forza Italia Massimo Boni e la dirigenza provinciale, nonché “ last but not least” il candidato a Sindaco Francesco Conforti.

Conforti ha ribadito l’importanza dei temi come la sicurezza e la legalità, a recupero di un Comune che ha subito ingiustamente danni di immagine, poi la tutela della cittadinanza, rilancio del territorio e delle sue peculiarità come il Parco Collodi, i territori della montagna pesantemente penalizzatadella sanità e del commercio, debilitato dalla chiusura di oltre 100 esercizi nell’ultimo triennio.

“Onestà e trasparenza” il suo leit-motiv, cioè “la questione morale in prima linea”. Tutti i rappresentati , da Barbara Masini e Maurizio Carrara, hanno ribadito che il. territorio ha scelto già il 4 Marzo cosa desiderava portando la coalizione quasi al 38% , poi Bergamini che ha parlato dei sondaggi, che ad oggi danno il 44% al centro destra riconfermando la fiducia in ascesa, con il programma più votato dagli italiani. Cosa ribadita anche dal Consigliere regionale Marco Stella, il quale afferma che la Toscana vedrà sicuramente, a breve, altri Comuni passare dal colore rosso all’azzurro, arrivando così a 21.

Mara Carfagna ha evocato anche l’attuale situazione politica. “La situazione è sotto gli occhi di tutti” ha esordito “non è una situazione facile, noi abbiamo scelto di defilarci di lato, con intelligenza e maturità, offrendo così campo libero per cercare di dare una mano concreta a formare un Governo di cui l’Italia ha bisogno. Certo che tutti noi speravamo in altro, in un mandato al Centro destra da parte del Presidente Mattarella, come era giusto fare essendo i veri vincitori. Ma così non è stato, e noi non avremmo mai voluto essere il capro espiatorio o la causa del fallimento di trattative per rispetto ai cittadini. In quel tavolo, tra l’altro, a parte noi mancano completamente o quasi le figure femminili, cosa aberrante dopo anni di conquiste e di tutele alle pari opportunità portate avanti negli anni. Nessun passaggio nel Contratto sulla tutela alle donne, sul contrasto della violenza, sui diritti, e per tutti quegli ambiti per cui ci siamo da sempre battute, come donne, come presenze  importanti , indispensabili di una società dicasi civile. C’è stato solo il veto – continua Carfagna – e per noi i veti sono l’anti democrazia, sono l’antitesi delle aperture e della collaborazione politica. Noi, ma in primis il nostro Presidente Berlusconi, abbiamo dato un segnale importante scegliendo di sgombrare il campo da ipotesi di  Governo con la nostra presenza, a causa proprio dei veti fattaci da Di Maio, per permettere al rappresentante della nostra coalizione, che resta ben salda, di tentare un accordo. Più di questo, non potevamo fare”.

Foto: Mara Carfagna

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »