energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Casa, Spc: “Un diritto che deve tornare alla direzione patrimonio” Breaking news, Cronaca

Firenze –  Non è assistenza, ma è un diritto, quello della casa. A dirlo, nel corso della discussione avvenuta oggi in commissione 1, sono i consiglieri Antonella Bundu e Dmitrij Palagi. La questione riguarda l’accorpamento, operato dal passato assessore alla casa Andrea Vnnucci, degli uffici della casa a quelli del sociale. “Gli aspetti patrimoniali e gestionali degli immobili del Comune meritano un’ottica di lungo periodo, che corrisponda al diritto costituzionale alla dignità della persona, che passa anche da quello all’abitare. La “rivoluzione” voluta per il servizio casa, che il precedente assessore con delega alla casa aveva voluto portare sotto il sociale, togliendolo dal patrimonio, ci è sempre sembrata sbagliata. Lui sosteneva che era legata a una visione complessiva di cui avremmo presto saputo qualcosa. Peccato che se ne sia andato in Regione Toscana, a fare il Consigliere, senza svelare nulla su quale fosse il progetto. Per questo abbiamo presentato oggi una mozione che riportasse il servizio casa dove era prima: sotto la direzione patrimonio”.

Il principio su ci si basa la posizione dei due consiglieri, che è stata illustrata oggi in commmissione  cui partecipava anche l’assessora alla casa Benedetta Albanese, è che il diritto alla casa non rientra a pieno titolo nell’assistenza-welfare, bensì si tratta di un diritto costiuzionalmente riconosciuto. “L’attenzione alle persone non è in discussione, ma la predisposizione degli strumenti dell’ente per praticarla è un altro piano dell’agire politico e istituzionale. Questa è la convinzione che ci vuole. Ringraziamo ovviamente il Presidente della Commissione 1 e l’assessora per aver permesso di chiarire le posizioni, così come ci fa piacere che le altre opposizioni abbiano espresso una forte attenzione alla nostra proposta. Speriamo che in Consiglio l’esito possa essere diverso, di certo noi non facciamo passi indietro”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »