energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Case a Firenze, boom delle soffitte trasformate in mansarde Società

Prima, furono i fondi commerciali, poi i garage, poi i vecchi magazzini, poi i locali di servizio sulla strada; ora, a Firenze, si vendono le soffitte. Non solo le soffitte come le pensiamo, ampie, spaziose e magari con  vedute mozzafiato su cupola del Brunelleschi o i tetti fiorentini, ma anche i sottotetti, quelli con abitabilità risicata (o magari mai chiesta) e con spazio abitabile diminuito dagli inevitabili soffitti spioventi.

Una "mania" che è diventata nazionale, quella di trasformare le vecchie soffitte in mansarde: nell'ultimo anno infatti si registra, a livello italiano, un trend in crescita di circa il 7%, che a Firenze è del 10%. I dati sono forniti dalle rilevazioni di Immobiliare.it, il cui amminstratore delegato, Carlo Giordano, mette tuttavia in guardia dai vincli che possono insistere sulla categoria catastale che pare interessante per prezzo e ubicazione in città: per le soffitte, importante verificare che ci sia l'abitabilità e "tenere a mente che, per via dei tetti spioventi, i metri quadri commerciali si riducono molto rispetto alla superficie".

Ma che cosa rende appetibile la vecchia soffitta trasformata in unità immobiliare? Sostanzialmente, il prezzo: la mancanza di alcuni servizi, come ad esempio l'ascensore, porta infatti a un risparmio  fra  il 10 e il 20% rispetto a un appartamento che si trovi nella stessa zona.

Ma la corsa a rendere abitabile tutto il possibile e anche di più è ormai uno sport cui indulgono la maggior parte dei proprietari italiani. Come emerge dalla ricerca del sito, oltre alle soffitte, anche negozi, garage, cantine non scampano alla ristrutturazione e relativo cambio di destinazione d'uso. Un processo che ha visto Firenze all'avanguardia, e che ha trasformato molti "fondi" specialmente nel centro storico, in mini-appartamenti con relativi problemi di luce, di igiene, spesso di abitabilità.

Per quanto riguarda i negozi, una spiegazione concreta dell'aumento di annunci che riguardano la possibilità di conversione del locale commerciale in abitazione (ben il 12% degli annunci di questa tipologia porta la possibilità di riconversione in abitazione), la dà proprio l'ammnistratore delegato di Immobiliare.it: "La grande distribuzione sta soffocando il commercio al dettaglio. I negozi lungo le vie cittadine perdono interesse, con conseguente crollo di domanda (-12% nell'ultimo anno). La conseguenza è la loro trasformazione in veri e propri loft cittadini, simili agli spazi industriali dismessi da cui da anni si ricavano abitazioni di pregio, ma molto più piccoli e centrali". Meglio vendibili, insomma. Così succede ai garage, che fino a 20 anni fa non venivano costruiti in box sotterranei del palazzo, ma a livello strada.

In numeri, il fenomeno è ancora più evidente: valutando le offerte di Immobiliare.it, tra i 700.000 annunci presenti, la presenza di offerte di loft è cresciuta nell'ultimo anno, mediamente, del 5%, con picchi del 9% a Bologna e del 7% a Torino. Milano e Roma non registrano grandi cambiamenti perchè il processo è in atto da tempo. Viene da chiedersi se il dato non pervenuto di Firenze, di cui è noto solo il  numero esuberante dell'offerta di mansarde (+!0% contro il 7% di media nazionale, seguito da Parma al 9%) non significhi semplicemente che da noi, fondi, magazzini, garage e negozi sono già finiti. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »