energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Cassa integrazione in deroga, pagamenti più veloci Economia

Pagamenti della cassa integrazione e della mobilità in deroga più veloci e meno complicati: grazie alla convenzione firmata lunedì 3 ottobre da Regione Toscana e Istituto nazionale della previdenza sociale, l’unica modalità di erogazione da parte dell’Inps dell’assegno di cassa integrazione in deroga ai lavoratori sarà quella diretta.
Cosa cambia? Sparisce  il pagamento a conguaglio tramite azienda, garantendo un rapporto diretto fra Inps e lavoratore.
“Dal prossimo 18 ottobre – spiega l’assessore alle attività produttive lavoro e formazione Gianfranco Simoncini – per i lavoratori che si sono visti autorizzare dalla Regione la Cassa in deroga sarà più facile riscuotere e anche più veloce. A velocizzare le procedure sarà anche l’obbligo per le aziende di inviare i dati all’Inps esclusivamente per canale telematico. L’Inps si impegna, di conseguenza, a ridurre al massimo i tempi della prestazione”.
L’intesa consente alla Regione di potenziare il quadro degli strumenti che può adottare per supportare la tenuta sociale in un momento particolrmente delicato della vita economica del Paese, in preda a una crisi di cui ancora non si scorge la via d’uscita. Perciò, oltre a continuare a incentivare gli interventi per lo sviluppo, la Regione si preoccupa di rafforzare anche il sostegno all’occupazione.
“ Proprio per questo la Regione sta trasferendo all’Inps ulteriori 10 milioni di euro che vanno ad aggiungersi ai 20 milioni e 600 mila euro di cofinanziamento regionale già stanziati per gli ammortizzatori in deroga nell’ultimo anno” spiega l’assessore Simoncini.
I dati sono sconcertanti: dal maggio 2009 ad oggi sono state autorizzate dalla Regione circa 25.000 domande di cassa integrazione in deroga, per circa 7.300 aziende e 43.400 lavoratori coinvolti (45% donne, 55% uomini). In tutto si tratta di oltre 45 milioni di ore autorizzate per un costo complessivo di oltre 450 milioni di euro. Le domande di mobilità in deroga autorizzate sono state circa 1.500, per un costo complessivo di oltre 20 milioni.
Delle domande autorizzate ad oggi sono state definite dall’Inps circa 23.500 richieste, pari al 95% dell’autorizzato.
Un dato che segnala l’attenzione che la stessa Inps pone nel far sì che vi sia continuità di reddito per i lavoratori e le famiglie travolte dalla crisi. Velocizzare e semplificare l’erogazione del denaro attraverso la Cig e la mobilità in deroga è l’obiettivo della sempre più intensa collaborazione fra l’Istituto e la Regione Toscana. Una collaborazione che si esplica anche nell’utilizzazione del canale telematico nei confronti delle aziende per la trasmissione dei dati necessari alla liquidazione. Una metodologia che consente l’ulteriore velocizzazione nel pagamento della Cig in deroga ai lavoratori interessati.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »