energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Castagne, Coldiretti Pistoia: “Frutti piccoli ma buona qualità” Breaking news, Economia

Pistoia – Hanno avuto molti nemici, le castagne, quest’anno: dal grande caldo ai cinghiali al cinipide del castagno. Con la conseguenza che la concorrenza sleale di prodotti stranieri, spacciati come locali, si è fatta ancora più spietata. Tuttavia, nonostante il chiaro scuro, le notizie che provengono dalla Coldiretti di Pistoia contengono elementi rassicuranti.

“I cardi sono ancora sugli alberi, i frutti si preannunciano piccoli e di buona qualità nel pistoiese, con un aumento del 20% della raccolta -spiega l’associazione –  dovuto all’efficace contrasto al cinipide del castagno, contro il quale è stata avviata una capillare guerra biologica attraverso lo sviluppo e la diffusione dell’insetto Torymus sinensis, che è un antagonista naturale. Il cinipide negli anni passati aveva ridotto la produzione locale del 90%. Ad impedire un più consistente recupero è stato il grande caldo estivo, così la produzione 2017 si attesta a circa la metà rispetto agli anni pre-cinidide”.

Sebbene sugli alberi i cardi siano numerosi, i danni subiti dall’apparato fogliare degli alberi ad opera del cinipide non hanno permesso uno sviluppo consistente delle castagne.

I castagneti pistoiesi dunque avranno una produzione a macchia di leopardo: quelli in zone umide hanno aumentato la quantità di castagne maturate, al contrario di quelle troppo esposte al sole che hanno sofferto per la siccità. Con le prossime piogge, che faranno cadere a terra le castagne, si capirà la natura della produzione, che si preannuncia di buona qualità, dal momento che, come spiegano gli agricoltori, “l’estate asciutta ha tenuto bassa la produzione, ma ha anche impedito il sorgere di muffe dannose”.

“Quando i frutti cadranno a terra, sarà una corsa contro il tempo: la raccolta deve essere effettuata rapidamente, prima che i tanti cinghiali facciano razzia di castagne nottetempo -spiega Coldiretti Pistoia- un produttore di castagne precoci ha visto in poche ore divorato da cinghiali il 50% del raccolto: si tratta di una perdita di soldi importante, visto che sul mercato sono quotate a 7-9 euro al chilo”.

Oltre a cinipide, caldo e cinghiali a rendere difficile la vita alla castanicoltura c’è la concorrenza sleale di prodotti stranieri ‘spacciati’ per locali. I dati produttivi di Pistoia sono in linea con i dati nazionali. Nonostante la ripresa, resta alto il rischio – continua la Coldiretti – di trovarsi nel piatto, senza saperlo, castagne straniere provenienti soprattutto dalla Spagna, dal Portogallo, dalla Turchia e dalla Grecia. L’Italia, nel corso del 2016 ha importato oltre 36 milioni di chilogrammi di castagne, spesso spacciate per italiane, con forti ripercussioni sui prezzi corrisposti ai produttori. Da qui la richiesta di Coldiretti di assicurare più controlli sull’origine delle castagne messe in vendita in Italia per evitare che diventino tutte, incredibilmente, tricolore.

“Se non si vuole comunque correre il rischio di acquistare spesso a caro prezzo caldarroste straniere in vendita nel centro delle città – conclude la nota della Coldiretti – invitiamo i consumatori a prestare attenzione alla qualità e suggerisce di ricorrere a un più genuino fai da te casalingo per garantirsi un prodotto fresco, sicuro e a costi accessibili. Meglio allora frequentare i mercati degli agricoltori di Campagna Amica o le sagre in programma in questi giorni in tutta Italia dove è possibile fare buoni acquisti di alta qualità oppure rivolgersi alle imprese agricole e riscoprire il gusto di partecipare nei boschi alla raccolta delle castagne”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »