energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Categoria: Rubriche

La bella estate Rubriche

Bastava uscire di casa e traversare la strada, per diventare come matte, e tutto era cosí bello, specialmente di notte, che tornando stanche morte speravano ancora che qualcosa succedesse, che scoppiasse un incendio, che in casa nascesse un bambino, e magari venisse giorno all'improvviso e tutta la gente uscisse in strada e si potesse continuare

Leggi tutto

I fratelli Cuccoli Rubriche

Una mattina di Gennaio umida e fredda, cruda, ventosa, una di quelle mattine nelle quali si rincantuccia il cuore nel petto e non viene spontaneo di alzar la testa verso il cielo. L'acqua cadeva saltuariamente consolidata in piccoli cristalli che il vento faceva picchiettare contro i vetri delle finestre comunicandone il brivido.

Il castello di mia madre Rubriche

Ogni mattina, verso le quattro, mio padre apriva la porta di camera mia e sussurrava:"Vuoi venire?" Quelle poche parole sussurrate da lui bastavano a tirarmi giù dal letto, nonostante il mio sonno fosse a prova sia del ronfare dello zio Jules, sia degli strilli del cugino Pierre, che reclamava il biberon delle due. Mi vestivo

Leggi tutto

Trilogia della città di K.: La prova Rubriche

Un mezzo dell'esercito si ferma davanti all'edificio delle guardie di frontiera. Scendono dei militari e posano a terra un corpo avvolto in un telone mimetico. Un sergente esce dall'edificio, fa un cenno e i soldati scostano il telone. Il sergente fischia: – Identificarlo non sarà da ridere! Bisogna essere veramente idioti per cercare di attraversare

Leggi tutto

Passion simple Rubriche

Il mio apparecchio non ha decodificatore, le immagini sullo schermo erano sfocate, le parole soppiantate da uno strano rumore di fondo, uno sfrigolìo, uno sciacquìo, una sorta d'altro linguaggio, dolce e ininterrotto. Si distingueva un profilo di donna in guepière, con delle calze, un uomo. La storia era incomprensibile e non si poteva prevedere alcunché,

Leggi tutto

Dalia Nera Rubriche

Scavando a ritroso e attenendomi ai fatti posso dire che era una ragazza triste e una puttana. Nella migliore delle ipotesi era una fallita, un'etichetta che, del resto, potrei applicare a me stesso. L'avrei consegnata volentieri a una fine anonima, poche righe su un rapporto della Omicidi, una copia carbone per l'ufficio del magistrato, i

Leggi tutto

Translate »