energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Cave: un protocollo con le procure per la sicurezza Economia

Firenze – Un protocollo pluriennale è stato firmato fra Regione Toscana, Procure e Carabinieri “per la salvaguardia della legalità e la promozione dello sviluppo sostenibile dell’attività estrattiva nel distretto apuoversiliese”.

Con il presidente Enrico Rossi hanno apposto la loro firma i procuratori generali delle Repubblica Marcello Viola (Procura generale presso Corte di Appello di Firenze), Valeria Fazio (Procura generale presso Corte di Appello di Genova), Aldo Giubilaro (Procura generale presso Tribunale di Massa), Pietro Suchan (Procura della Repubblica presso Tribunale di Lucca) e il Generale Giuseppe Vadalà (Comando Regione Carabinieri Forestale “Toscana”).

Secondo Rossi si tratta di “un punto di svolta”: “Bisogna farla la svolta –ha detto  – altrimenti la straordinaria ricchezza che sono le Apuane, uniche al mondo storicamente e così importanti per la regione e per la nostra identità, ma anche per il lavoro rischiamo di perderla. Dobbiamo ritrovare il punto di equilibrio tra questa ricchezza, la sua ridistribuzione, l’impatto ambientale che deve essere regolato e la tutela della sicurezza e salute dei lavoratori che è un valore assoluto”.

“Il nostro obiettivo è di “regolare”, sul modello di quanto fatto per Prato, facendo chiudere i dormitori e mettendo in sicurezza i laboratori cinesi del macrolotto e dell’area fiorentina con risultati importanti. Ci stiamo riuscendo. E sono convinto che questo modello potrebbe venire adottato con successo anche a livello nazionale sul fronte della evasione fiscale”.

Aspetti tecnici su attività di controllo

Queste le prime indicazioni per le attività del 2017:

da parte della Asl nord-ovest previste circa 800 visite di controllo in cava (settore lapideo) per una media di 6/7 accessi per cava (cave controllate annualmente circa 140); oltre 400 controlli per una media di 1/2 accessi per laboratorio (laboratori controllati annualmente oltre 200).
Anche Arpat aumenta le azioni di controllo – 60 cave controllate, ma con numero di accessi molto superiori – puntando in primo luogo alla verifica della gestione delle acque di lavorazione e dei rifiuti di estrazione principali, con particolare riferimento alla “marmettola”, oltre ai materiali prodotti nella manutenzione di mezzi e macchine.

Grande attenzione sarà posta anche sugli aspetti della difesa del suolo, focalizzandosi sulla ricostruzione del reticolo idraulico, con oltre 80 controlli affidati al personale del Settore Genio civile Toscana Nord ed al personale del Nucleo Forestale dei Carabinieri.
Centinaia di verifiche punteranno poi sulla rispondenza tra l’utilizzo delle cave e le autorizzazioni rilasciate.

In collaborazione con l’università di Firenze, Dipartimento di Scienze della Terra, priorità anche all’attività di monitoraggio della stabilità dei versanti con particolare riferimento ai ravaneti. Qui è già attivo il sistema di monitoraggio radar satellitare, la stessa tecnologia usata anche per la Concordia. Ogni 12 giorni sarà aggiornato il monitoraggio. Infine l’analisi del materiale scavato dovrà dare indicazioni anche sulle quantità sostenibili.

La Regione Toscana intende infine incentivare gli imprenditori che vogliono investire sulle nuove tecnologie e utilizzarle anche per ridurre, come è ora possibile fare, i materiali di scarto.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »