energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Cento candeline a Bagno a Ripoli per Gina Pacini Notizie dalla toscana

È questa una simpatica iniziativa che l’amministrazione sta portando avanti da qualche anno, un modo come un altro per far conoscere alla Comunità queste persone “speciali”, che hanno attraversato il Novecento e sono entrate negli anni Duemila: per esprimere il suo personale “grazie”, il Vicesindaco ha regalato alla signora Rina una pergamena e l'estratto dell'atto di nascita incorniciato. Dicono di lei i familiari: “Gina nasce a Bagno a Ripoli il 5 agosto 2012 in zona Antella e all'età di tre anni perde la madre. Viene allevata dalla zia insieme agli altri tre fratelli, due femmine e un maschio, morto a seguito di una malattia contratta durante la guerra. La famiglia Pacini, contadini, ha abitato nella stessa casa per 300 anni, poi a metà degli anni Trenta Gina si sposa con Giulio Meli, di mestiere mediatore, molto conosciuto e stimato anche al di fuori di Bagno a Ripoli. Il padre di Gina va in guerra lasciandola sola con i fratelli piccoli da seguire. La famiglia durante la guerra ospita diversi sfollati, che mangiano insieme a loro alla stessa tavola. Di notte i partigiani venivano a prendere i rifornimenti di farina. La famiglia di undici persone ha abitato nella casa di via Vernalese per 23 anni, poi Gina si è spostata a Meoste facendo diversi mestieri: la lavandaia, la domestica e tante altre piccole professioni. I tre figli, un maschio e due femmine, sono nati tra il '36 e il '44. Ha tre nipoti e quattro bisnipoti. Tuttora aiuta la nuora a fare le piccole faccende di casa".

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »