energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Centrale termica per case popolari, Estra Clima vince la gara Cronaca

Sono 52 gli alloggi di edilizia residenziale pubblica in via del Pesciolino a Firenze che saranno serviti dalla nuova centrale termica che sarà realizzata da Estra Clima. L’impianto produrrà fluido termovettore per il riscaldamento e acqua calda sanitaria centralizzata. La produzione di energia termica sarà supportata dall'installazione di pannelli solari. La società del gruppo Estra si è aggiudicata infatti, su gara, i lavori per la realizzazione dell’impianto di ultima generazione, ovvero produzione di energia termica centralizzata e ripartizione dei costi in base agli effettivi consumi per ogni singolo alloggio. Un sistema di supervisione, installato sempre da Estra Clima permetterà di controllare e visionare a distanza sia i consumi di ogni singolo alloggio che tutti i parametri relativi alla produzione del calore.Tra i nuovi affidamenti è recente anche l’aggiudicazione della conduzione, manutenzione e ruolo di terzo responsabile delle centrali termiche del Comune di Montepulciano fino ad aprile del 2013.

Continua intanto la campagna di Estra Clima sul fotovoltaico con impianti “chiavi in mano” per la produzione di energia elettrica da installare sul tetto della propria casa. Un’offerta ‘chiavi in mano’ studiata con tre differenti taglie di impianti (2,4/2,94 e 4,8 kWp.) quindi su misura per ogni esigenza di fabbisogno energetico e che prevede: la valutazione della fattibilità tecnico-economica; la progettazione; l’installazione, certificazione e collaudo; l’assistenza totale amministrativa e burocratica e l’assistenza finanziaria.
Raggiungono invece quota 280 (tra Prato e Firenze) gli alloggi coinvolti nell’operazione “risparmio energetico” ovvero gli interventi di riqualificazione energetica previsti dalla campagna “Consumi indigesti?”, ancora in corso e ideata da Estra Clima per agevolare i clienti residenziali e i possessori di Partita Iva a ottenere le agevolazioni previste dalla Finanziaria. Viene, infatti, concessa la detrazione fiscale, pari al 55% delle spese sostenute, per chi vuole effettuare interventi di riqualificazione energetica degli edifici come la sostituzione di caldaie a basso rendimento, la sostituzione di vecchi infissi, trasformazione dell’impianto da gasolio a metano e lavori di isolamento termico.

Oltre al risparmio economico, grazie alla riqualificazione energetica è possibile abbattere i futuri costi per la climatizzazione dell’edificio, infatti solo sostituendo una caldaia tradizionale con una di ultima generazione a condensazione, e con l’inserimento di valvole termostatiche sui radiatori, si possono ridurre i consumi fino al 25% rendendoli meno “indigesti”. Per informazioni 800 128 128.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »