energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Certaldo festeggia la nuova circonvallazione Cronaca

Nuovo importantissimo passo  verso la conclusione del nuovo asse viario che, una volta completato, collegherà il raccordo autostradale Siena-Firenze con la strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno. È stata inaugurata ieri in pompa magna la circonvallazione di Certaldo, parte della ex strada statale 429, ora strada regionale. All’apertura erano presenti tutte le istituzioni locali, i massimi dirigenti di Anas e circa un centinaio di cittadini. Il tratto aperto ieri al traffico rappresenta la variante alla ex strada statale 429 “di Val d’Elsa” e si sviluppa lungo gli assi sud-est / nord-ovest per una lunghezza di circa 5 km. L’asse di Certaldo est collega l’asse principale con la ex strada statale 429, a mezzo di vari rami di canalizzazione e di un viadotto. L’asse di Certaldo ovest raccorda l’asse principale con la ex strada statale 429, a mezzo di un semplice ramo stradale in rilevato, lato Empoli. Lungo il tracciato sono presenti numerose opere infrastrutturali come 3 gallerie (per totali 1,5 km) e 5 viadotti (per circa 3 km) oltre ad un cavalcavia.

“Un passo importante per il completamento dell’intero tracciato – ha ricordato l’assessore alle Infrastrutture della Provincia di Firenze, Laura Cantini – che proseguirà l’anno prossimo con il completamento dei tratti tra Castelfiorentino ed Empoli e tra Certaldo e Poggibonsi. Inoltre, proprio in questi giorni è arrivato in conferenza dei servizi anche il lotto che riguarda gli ultimi 4 kilometri rimasti scoperti, quelli tra Castelfiorentino e Certaldo, ed è stata già trovata la copertura economica per la realizzazione dell’opera”.

“Chiediamo ora – ha sottolineato il presidente della Provincia, Andrea Barducci – un ulteriore sforzo ad Anas per il completamento e l’adeguamento infrastrutturale di altri due importanti assi viari del nostro territorio, come la strada statale 67 e dell’Autopalio Firenze-Siena”.

Alla cerimonia di inaugurazione, presso la galleria "Colle di Marcignano", al km 0,600 della variante di Certaldo, in località Badia a Elmi, nel Comune di San Gimignano, erano presenti con il sindaco di Certaldo Andrea Campinoti il vicepresidente della Provincia di Siena, Alessandro Pinciani; il presidente della Provincia di Firenze, Andrea Balducci; l'assessore alle Infrastrutture per la mobilità, logistica, viabilità e trasporti della Regione Toscana Luca Caccobao; il condirettore generale tecnico di Anas, Gavino Coratza; il capo compartimento di Anas Toscana, Antonio Mazzeo. Presenti anche molti sindaci e politici dell'Empolese Valdelsa e della Valdelsa senese, i parlamentari Alberto Fluvi e Susanna Cenni, autorità militari e civili regionali, tanti operai, tecnici e rappresentanti delle imprese appaltatrici e subappaltatrici e tanti cittadini.

 

“L’apertura della variante di Certaldo è un’opera strategica per l’intera regione, oltre che di vitale importanza per la Val d’Elsa fiorentina e senese – ha affermato l’assessore regionale Ceccobao – Il tratto inaugurato ha comportato da parte di Anas un lavoro complesso. Adesso vogliamo vedere completato l’intero tratto tra Poggibonsi ad Empoli.”
Ceccobao ha ricordato il ruolo cruciale di un collegamento viario che interessa centri urbani importanti, distretti industriali e che connette due arterie fondamentali come la Firenze-Siena e la Fi-Pi-Li e ha poi fatto il punto sulle prossime tappe. “Il lavori nel tratto Certaldo-Poggibonsi – ha detto l’assessore – sono già al 90% di completamento delle opere, mentre quello tra Empoli-Castelfiorentino ha superato una serie di problematiche e si avvia verso una completa definizione. Era rimasto da progettare e da finanziare il tratto tra Castelfiorentino e Certaldo, possiamo dare la notizia che lo scorso 23 maggio è stata aperta la conferenza dei servizi per l’approvazione del progetto definitivo. E che pochi giorni fa la Regione ha stabilito, attraverso una delibera di giunta inviata al Consiglio regionale, la completa copertura dei costi. Quindi oggi si può pensare di vedere l’opera nella sua interezza”
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »