energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ciak sul lavoro: tra gli ospiti Luigi Lo Cascio e Antonio Morabito Cinema

Saranno Luigi Lo Cascio, Riccardo Milani, Gianni di Gregorio, Antonio Morabito e Ivano de Matteo i registi ospiti della decima edizione di “Ciak sul lavoro”, la rassegna di cinema dedicata al mondo del lavoro che si terrà dal 1 aprile al 5 maggio allo Spazio Alfieri di Firenze (ore 21,00; ingresso 3 euro). La rassegna, curata da Gabriele Rizza del Sindacato critici cinematografici della Toscana, è organizzata da Cgil Filcams Firenze e Toscana, dall’associazione Anemic in collaborazione con Fondazione Sistema Toscana. La nuova edizione presenterà cinque titoli dell’ultima stagione cinematografica che, con varie modalità e su vari registri (comico, leggero,  impegnato, drammatico), hanno dialogato con la contemporaneità e i mille disagi (esistenziali, professionali, pubblici e privati) che giorno dopo giorno l’attraversano.

Ciak sul lavoro si inaugurerà con Scusate se esisto il film di Riccardo Milani con protagonisti Paola Cortellesi e Raul Bova sui “cervelli in fuga” che ritornano i Italia speranzosi di un lavoro come quello che avevano all’estero. Di pensioni, esodati e della legge Fornero se ne parlerà nel film Buoni a nulla di Gianni De Gregorio (15 aprile) mentre il film di Antonio Morabito vincitore del Premio N.I.C.E. Città di Firenze Il venditore di medicine parlerà delle pratiche scorrette del “mercato” farmaceutico (27 aprile). La rassegna prosegue il 29 aprile con Luigi Lo Cascio e la proiezione del suo film La città ideale. Chiuderà infine la manifestazione la proiezione de I nostri ragazzi di Ivano de Matteo (5 aprile), film interpretato da Alessandro Gassmann, Barbora Bobulova e Giovanna Mezzogiorno liberamente ispirato al romanzo La cena dell’olandese Herman Koch, divenuto tre anni fa un vero e proprio caso letterario (in Italia è uscito da Neri Pozza), selezionato dalle Giornate degli Autori all’ultima Mostra di Venezia

La rassegna – hanno spiegato gli organizzatori – affronta i temi della precarietà, l’emergenza e la crisi socio economico che investono il nostro paese. La rassegna presenta cinque titoli dell’ultima stagione che, con varie modalità e su vari registri (comico, leggero, impegnato, drammatico), hanno dialogato con la contemporaneità e i mille disagi (esistenziali, professionali, pubblici e privati) che giorno dopo giorno l’attraversano“.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »