energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Cibo e salute, Coldiretti: “Distributori automatici vendano prodotti naturali” Cronaca

Roma – Via il cibo spazzatura dagli automatici uutilizzati nei luoghi pubblici. Le alternative ci sono: prodotti locali, made in Italy freschi e sani. Sono venti le regioni d’Italia che hanno firmato un’intesa tesa a prevenire il consumo di alimenti e bevande dannosi per la salute, che contengono ad esempio sodio, nitriti e/o nitrati utilizzati come additivi, aggiunta di zuccheri semplici e dolcificanti, elevato contenuto di teina, caffeina e similari. In Italia un bambino su quattro è in sovrappeso proprio per l’alimentazione scorretta.

Fermare la vendita del cibo spazzatura nelle scuole a favore di alimenti locali, freschi e sani come spremute, frutta e verdura di stagione, anche da sgranocchiare e in grado di assicurare senso di sazietà e garantire un adeguato apporto idrico, può contribuire a sconfiggere i problemi di eccesso di peso e obesità. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare positivamente il protocollo approvato dai venti assessori all’agricoltura delle Regioni italiane nel quale si afferma che “è vietata la distribuzione ai minori, mediante distributori automatici e in ogni luogo aperto al pubblico di alimenti e bevande sconsigliati ovvero contenenti un elevato apporto totale di lipidi per porzione, grassi trans, oli vegetali, zuccheri semplici aggiunti, prodotti ad alto contenuto di sodio, nitriti e/o nitrati utilizzati come additivi, aggiunta di zuccheri semplici e dolcificanti, elevato contenuto di teina, caffeina e similari”.

”Una svolta necessaria in un Paese come l’Italia dove quasi un bambino sui quattro (il 22,2%) e in sovrappeso, mentre il 10,6% e addirittura obeso secondo  l’ultimo Rapporto Okkio alla salute” afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare il rischio che “i giovani di questa generazione potrebbero essere i primi a vivere meno dei propri genitori”. Una situazione paradossale nella patria della dieta mediterranea che – sottolinea Moncalvo – ha fino ad ora garantito agli italiani una vita media di 79,4 anni per gli uomini e di 84,5 per le donne, tra le piu’ elevate al mondo.

La grande diffusione dei distributori automatici dove acquistano 23 milioni di italiani, tra i quali ben dieci milioni regolarmente, deve essere accompagnata – sostiene la Coldiretti – da una innovazione che punti a privilegiare prodotti naturali, di stagione e Made in Italy con obiettivi salutistici ma anche di formazione, soprattutto nelle scuole. Un obiettivo che – continua la Coldiretti – può essere sostenuto con l’aiuto dei nuovi distributori automatici di frutta e verdura snack che si stanno diffondendo e dove è possibile acquistare a prezzi calmierati frutta fresca, disidratata o spremute di origine nazionale senza aggiunte di zuccheri o grassi come alimento rompi-digiuno per una merenda sana alternativa.

L’aumento di peso – precisa la Coldiretti – è infatti un importante fattore di rischio per molte malattie come i problemi cardiocircolatori, il diabete, l’ipertensione, l’infarto e certi tipi di cancro. E le tendenze – continua la Coldiretti – non sono incoraggianti perché con la crisi il numero dei bambini e adolescenti che mangia frutta e verdura a ogni pasto è sceso al 35 per cento nel 2013 rispetto al 37 per cento dell’anno precedente, mentre quelli che la mangiano una volta al giorno sono passati al 35 per cento contro il 39 per cento e si registra anche un aumento di coloro che non l’assumono o lo fanno un massimo di 2 volte a settimana (31 per cento contro il 24 per cento).

La Coldiretti è impegnata nel progetto “Educazione alla Campagna Amica” che coinvolge oltre centomila alunni delle scuole elementari e medie in tutta Italia che partecipano ad oltre tremila lezioni in programma nelle fattorie didattiche e agli oltre cinquemila laboratori del gusto organizzati nelle aziende agricole e in classe. L’obiettivo – conclude la Coldiretti – è quello di formare dei consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’ agricoltura con i cibi consumati ogni giorno e  fermare il consumo del cibo spazzatura.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »