energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ciclismo: la Toscana è pronta per accogliere il Giro Sport

Firenze – La Toscana è pronta per accogliere il Giro d’Italia. La corsa rosa arriverà nella nostra regione mercoledì prossimo con la tappa La Spezia-Abetone.  E’ il primo arrivo in salita del Giro. Ma non si tratta di una salita “impossibile”. Sono 17 chilometri con una pendenza media di poco meno del 6% e quasi il 10% quella massima. Il dislivello supera di poco i 900 metri. Il tratto più impegnativo della salita è quello a metà, poi spiana un po’ fino all’Abetone.

Insomma è una salita che non dovrebbe provocare significative ricadute sulla classifica. Tra l’altro il Giro è appena alla quinta delle ventuno tappe e chi punta a vincerlo non uscirà allo scoperto. Aspetterà l’ultima settimana costellata di arrampicate da vertigini.  Magari è l’occasione per qualche toscano, primo fra tutti Diego Ulissi, che, respirando aria di casa, potrebbe tentare l’affondo vincente. Sono sei i toscani al Giro : Rinaldo Nocentini di Arezzo, Manuel Bongiorno di Fucecchio, Fabio Sabatini di Monsummano, Diego Ulissi di Donoratico, Manuele Mori di Ponte a Egola ed Elia Favilli di Venturina.

Queste il percorso della tappa di mercoledì : La Spezia, Aulla, Foce Carpinelli, Piazza al Serchio, Castelnuovo Garfagnana, Barga, Bagni di Lucca, Popiglio, La Lima, Abetone. In tutto sono 152 chilometri.  Giovedì unica tappa tutta toscana. Partenza da Montecatini Terme ed arrivo a Castiglion della Pescaia. Una tappa per velocisti.  Questo il percorso : Montecatini, Altopascio, Bientina, Pontedera, Peccioli, La Sterza, Salive di Volterra, Pomarance, Larderello, Castelnuovo Val di Cecina, Monterotondo, Ghirlanda, Ribolla, Castiglion della Pescaia. Chilometri complessivi 183.  Venerdi il Giro lascerà la Toscana per approdare nel Lazio. Con i suoi 264 chilometri sarà la tappa più lunga del Giro. Un’autentica maratona, senza però grandi difficoltà altimetriche, terreno adatto per i fondisti.

Partenza da Grosseto, quindi svincoli in successione di Albinia, di Orbetello e di Ansedonia, quindi Montalto di Castro. A quel punto la corsa, prima di varcare i confini della Toscana entrerà in Maremma. Poi Tuscania, Monterotondo, Cave, Fiuggi. Il Giro d’Italia si concluderà  con la tappa Torino-Milano il 31 maggio.

Foto: www.giroditaliaciclismo.com

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »