energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Città di Pisa: attesi oltre un migliaio di ballerini provenienti da tutta Italia Sport

Ballerini di ogni età e provenienti dalle più diverse regioni d’Italia. Saranno più di un migliaio, con familiari e accompagnatori al seguito, infatti, gli appassionati e i praticanti di danza che domenica mattina (1 dicembre) si ritroveranno al Palazzetto dello Sport per il Trofeo “Città di Pisa”, la competizione organizzata dalla New Aurora Dance di San Giuliano Terme con la collaborazione dei maestri Simona e Alessandro La Gamba e il patrocinio del Comune di Pisa, giunta alla quindicesima edizione che, ogni anno, riunisce a Pisa diverse centinaia di appassionati di tutte le specialità di un’attività capace di coinvolgere uomini e donne andando oltre ogni tipo di barriera anagrafica.

Sei, nello specifico, le discipline in concorso al “Città di Pisa”: ci sono le danze standard e caraibiche e il latino-americano, ma anche la combinata nazionale e il ballo liscio e da sala. E altrettante le categorie anagrafiche della competizione: ci sono gli adulti (per danzatori fra i 19 e i 34 anni) e poi i senior 1 (da 35 a 44 anni), i senior 2 (da 45 a 54), i senior 3 (da 55 a 60), i senior 4 (da 61 a 64) e i senior 5 (più di 65 anni). Affiancate dalle tre categorie giovanili: juveniles (6-11 anni), junior (12-15 anni) e youth (16-18 anni). Ogni competizione sarà aperta a tutte le coppie in regola con il tesseramento della Federazione italiana danza sportiva (Fids).

Si comincia alle 8.30 con l’accredito e il ritiro dei numeri di partecipazione, anche se le gare vere e proprie non inizieranno prima delle 9.30 proseguendo fino a tarda sera con le diverse competizioni e le relative premiazioni. Diversi gli ospiti di riguardo provenienti del mondo dello sport e della danza pisano e regionale: ci sarà sicuramente, infatti, l’ex olimpionico di scherma Salvatore Sanzo, oggi Assessore comunale allo sport del Comune di Pisa, e i presidenti regionale e provinciale della Fids, rispettivamente, Pierluigi Berti e Annamaria Alderighi.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »