energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Climate-adapt, piattaforma che prepara la strategia europea 2013 Ambiente

Inaugurato oggi da Connie Hedegaard, commissaria incaricata dell'Azione per il clima, Ida Auken ministra danese dell’Ambiente, e Jacqueline McGlade direttrice esecutiva dell’Eea, la piattaforma europea Climate-adapt, accessibile a tutti all'indirizzo web http://climate-adapt.eea.europa.eu, ha la finalità di coadiuvare i decisori politici (policy makers) dell'Unione, degli Stati membri e delle Regioni nell'elaborazione delle politiche di adattamento ai cambiamenti climatici, ossia nel predisporre strumenti, misure ed i interventi idonei a prevenire o ridurre al minimo gli effetti negativi del cambiamento climatico. Sono passati circa due anni da quando, nel 2009, la Commissione nel Libro bianco sull'adattamento indicava come ostacolo principale alla realizzazione di interventi efficaci di prevenzione e mitigazione degli effetti climatici, la mancanza di conoscenze adeguate.  Climate-Adapt, messa a punto con il sostegno della comunità scientifica e politica europea, aiuterà gli utenti proprio ad acquisire, divulgare e integrare informazioni negli ambiti informativi considerati più strategici per la costruzione, di politiche di adattamento ai mutamenti del clima: a) cambiamenti climatici attesi in Europa; b) vulnerabilità, attuale e futura, di regioni, paesi e settori; c)  informazioni su attività e strategie di adattamento a livello nazionale, regionale e transnazionale; d) studi di casi e possibili opzioni future in materia di adattamento, e) strumenti online a sostegno della pianificazione di interventi di adattamento; f)  progetti di ricerca attinenti all’adattamento, documenti orientativi, rapporti, fonti di informazione, link, notizie e manifestazioni.
Le conoscenze ed in particolare lo scambio di esperienze che si svilupperanno e cresceranno all'interno della piattaforma Climare Adapt, contribuiranno alla definizione di una strategia UE di adattamento ai cambiamenti climatici,  che la Commissione intende presentare all’inizio del 2013 con l’obiettivo di coadiuvare gli Stati membri, le organizzazioni transnazionali e gli operatori locali con adeguate azioni a livello di Unione europea. E stata proprio la commissaria Hedegaard a sottolineare "la necessità di progredire nella condivisione delle migliori pratiche e delle informazioni sulle pratiche da evitare".

L'estremizzazione delle stagioni e dei fenomeni climatici con alluvioni e siccità, ondate di caldo e di gelo, scioglimento dei ghiacciai ed aumento del livello del mare, ha un impatto ambientale negativo sulla disponibilità delle risorse idriche, agricole e forestali, e quindi sulla produzione alimentare, nonchè sull’approvvigionamento energetico e le infrastrutture. Per esempio il danno economico che l’UE subisce a causa delle inondazioni è stimato in 6,4 miliardi di euro all’anno ma, secondo il progetto ClimateCost del VII Programma quadro, questa cifra è destinata a moltiplicarsi entro il 2050. 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »