energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Clini d’accordo con Rossi: lo smantellamento della Concordia dovrà avvenire a Livorno Cronaca

«È una delle cose che stanno andando meglio», ha spiegato oggi, sabato 11 agosto, il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, riferendosi alle operazioni preliminari alla rimozione della Costa Concordia. Quanto viene effettuato sul relitto, ha continuato il ministro, è attentamente monitorato dall’Osservatorio sui lavori di rimozione presieduto dalla Regione Toscana, mentre Arpat ed Ispra vigilano sulla situazione ambientale del mare del Giglio, anche grazie al supporto dell’Università La Sapienza di Roma, che effettua specifici monitoraggi nei pressi del relitto. Clini è tornato a parlare anche della scelta di Livorno come sede dello smantellamento della nave da crociera una volta ultimata la sua rimozione dalle acque del Giglio. Il ministro ha spiegato di essere d’accordo con il presidente della Regione, Enrico Rossi, circa la necessità di portare il relitto della Concordia nel porto di Livorno, ma che l’ultima parola su questa vicenda sarà data dai soggetti incaricati della rimozione. Il sindaco dell’isola del Giglio, Sergio Ortelli, è intervenuto invece a commentare le ultime richieste del Codacons. «Se il Codacons – ha dichiarato – ha a cuore veramente la vicenda della rimozione della Costa Concordia e dell’Isola del Giglio, come dice, perché non si confronta con gli enti preposti, invece di fare sensazionalismo?». A parte quanto verificato dall’Osservatorio per la rimozione della Concordia, ha proseguito Ortelli, «ogni altro tentativo di ergersi a paladini esclusivi della verità contribuisce solo a creare ulteriore disagi all’Isola del Giglio e alla sua comunità già duramente messa alla prova contraddicendo addirittura il principio per cui il Codacons stesso dovrebbe operare: e cioè la tutela dei cittadini consumatori».

Foto: http://www.motoricerca.net

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »