energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Coline Serreau inaugura “Cinema e Donne” con un road movie alternativo Cinema

Firenze – “Segnare il tempo”, il 39° Festival Internazionale di Cinema e Donne  si inaugura mercoledì 8 novembre, al cinema “La Compagnia”, con due personalità di spicco del cinema europeo alle quali va il “Premio Sigillo della Pace”: Coline Serreau e Mariann Lewinsky.

Coline Serreau, maestra del cinema francese, ma anche musicista, regista di opere liriche, direttrice di cori e trapezista. Un cinema, il suo, ricco di fantasia e di invenzioni poetiche ma ben radicato nella realtà con molto ottimismo e un filo di concreta utopia. Ha girato commedie di grande successo: “Tre uomini e una culla”, “Romuald & Juliette”,” La crisi”. Ha firmato film-appelli di ‘impegno ecologista diventati classici (“Pianeta verde”, “Solutions locales pour un désordre global”).

Nel pomeriggio di mercoledì 8, ci saranno proiezioni di corti, a partire dalle ore 15.30: nel programma, ci sarà, della Serreau, il classico “Mais qu’est-ce qu’elles veulent?”, documentario nel quale otto donne- operaie, contadine, madri di famiglia- si interrogano sulla loro vita e sul loro ruolo nella società.

Poi, in prima serata (ore 21.00), dopo l’assegnazione del “Sigillo della pace” alla carriera, riconoscimento del Comune di Firenze, ci sarà la proiezione del film “Saint-Jacques…La Mecque”, road movie alternativo lungo il sentiero dei pellegrini.

Il film, presentato in anteprima italiana, è ricco di invenzioni narrative e visive. Profondo, divertente, onirico, realistico e commovente.

Tre fratelli, che per incassare la cospicua eredità della mamma, sono obbligati a fare a piedi il pellegrinaggio che porta a Santiago de Compostela. Sono un’insegnante che si professa laica, un ricco imprenditore e un alcolizzato filosofeggiante. I tre camminano insieme a un gruppo di altre sei persone, tra le quali un immigrato mussulmano che crede di star andando alla Mecca.

L’altra ospite d’onore del festival è Mariann Lewinsky, anche lei premiata con il “Sigillo della Pace” del Comune di Firenze, alla carriera. Attivissima e instancabile ricercatrice, conosciuta dal pubblico dei cinefili, si contraddistingue per il suo lavoro di organizzatrice delle grandi manifestazioni dedicate al cinema degli inizi come “Il Cinema Ritrovato” di Bologna. Passione e fortuna accompagnano da sempre le sue indagini. E’ molto brava a individuare le pellicole rare o sconosciute del passato per ricostruire la memoria del presente.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »