energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Collettivo ex GKN e Fridays for Future, giustizia climatica e sociale “una lotta sola” Breaking news, Politica, Società

Firenze – Due giorni, due tappe, una lotta sola. Venerdì 25 e sabato 26, il Collettivo di fabbrica ex GKN ricuce, insieme con Fridays for Future, la lotta climatica e la lotta sociale in un’unica battaglia, a partire dal venerdì per lo sciopero globale del clima, al sabato di mobilitaizone nazionale a Firenze.

Intanto, cresce l’attesa. Hanno superato ormai la sessantina gli appuntamenti, eventi, iniziative che sono state organizzate in giro per l’Italia dal 5 febbraio scorso durante l’Insorgiamo tour, coinvolgendo centinaia e centinaia di persone.

 

A fare il punto e a rilanciare la manifestazione del 26 e l’appuntamento di venerdì, Dario Salvetti, delegato RSU ex Gkn: “Siamo oramai a più di otto mesi di assemblea permanente che non è terminata e che non terminerà a breve, che ha saputo non solo difendere i diritti di lavoratrici e lavoratori, ma anche creare un convergenza mai vista con altre forze sociali ed ecologiste di questo Paese. La reindustrializzazione di Gkn è un processo incerto e lungo, dove ci pare ormai evidente il tentativo di logorarci. E quindi non smobilitiamo e non ci vogliamo più mobilitare sulla base dell’emergenza”.

“Ci hanno ripetuto fino allo sfinimento durante tutta la pandemia che sarebbe andato tutto bene – continua Salvetti – no, non andrà tutto bene se questi rapporti di forza rimarranno intoccati, se la ricerca di profitti avrà sempre la precedenza sui diritti e sul futuro di questo pianeta. Noi insorgiamo per il futuro. E il futuro non è solo uno stipendio e un contratto, è l’aria che respiri, è la pace, è cosa produci e in che società vivi. Il 25 e 26 formalizziamo che non esiste alcuna contrapposizione tra questione sociale e ambientale. L’una si alimenta della radicalità dell’altra. Sono una unica data”.

Ed ecco perché i due giorni di lotta “congiunta”, venerdì e sabato prossimi sono così significativi, secondo Salvetti: “Dimostreremo che questa opposizione sociale esiste e sta proponendo un paradigma di società totalmente diverso da quello attuale. E’ un mondo nuovo in cammino e verificheremo se il 26 è un primo passo”.

Per Martina Comparelli, portavoce Fridays For Future Italia, “siamo convinti che sia importantissimo riuscire a congiungere le due mobilitazioni, lo sciopero globale sul clima del 25 marzo 2022 in tutte le città d’Italia e nel mondo e la manifestazione nazionale “Insorgiamo” il 26marzo a Firenze. E’ necessario riprendere quella visione globale che ci è stata tolta, fondamentale per far sì che si comprenda che non siamo più divisi l’uno dall’altro e che non si crei più quella dinamica del “la mia lotta è più importante della tua”. Non possiamo più dividerci di fronte al ricatto tra ambiente e lavoro”.

In occasione del 25 e del 26 marzo, diversi endorsement sono stati lanciati per favorire la partecipazione. Tra i testimonial si ricordano Ginevra De Marco; Jorit; ZeroCalcare, Vauro e Staino con le loro vignette; Modena City Ramblers; Punkreas. Ma anche gli appelli di altre vertenze, come Caterpillar, Tim o Alitalia, e di organizzazioni e movimenti sociali, come ARCI nazionale, Un Ponte Per e l’appello congiunto tra Fridays For Future e Collettivo di Fabbrica ex Gkn.

A margine della conferenza stampa di presentazione delle mobilitazioni, Dario Salvetti ricorda che il 24 marzo, ovvero giovedì, ci sarà un incontro al Ministero per la vicenda ex GKN. “Per noi il 24 marzo è l’ultima chiamata – commenta – non va bene se il 24 marzo ci si trova al Ministero con il piano industriale totalmente da analizzare. Vorremmo provare a entrare nel merito del piano industriale, questi giorni possono essere utilizzati proprio per valutare in modo più approfondito il piano”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »