energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Colpo di scena al Città di Viareggio Sport

Il Città di Viareggio, prestigioso torneo internazionale di Beach Tennis (competizione di grado G1 inserita nel calendario ITF) ha visto una grande presenza di pubblico con circa 1000 persone assiepate fra tribuna e bordo campo al Bagno Andrea Doria di Torre del Lago.
La finalissima del doppio maschile, diretta dall'arbitro CHIARA SAVIOZZI, ha visto la vittoria della coppia NICCOLO’ STRANO e LUCA CRAMAROSSA che hanno battuto i campioni d'Italia in carica CAPPELLETTI e CARLI.
Non è mancato inoltre un attimo di commozione nel ricordare Federico Paris, “5° giocatore in campo”. Per lui un'emozionante standing ovation e un minuto di silenzio, seguito da uno scroscio interminabile di applausi. CRAMAROSSA e STRANO (dopo aver battuto al long tie break in semifinale il campione del mondo CALBUCCI in coppia con GARAVINI) si aggiudicano anche la finalissima sempre al long tie break con questi risultati parziali: 1° set 6-1; 2° set 1-6, 3° set 10-5. I due vincono un assegno da 3750 euro. NICCOLO’ STRANO alla fine è stato premiato pure come miglior giocatore del Torneo.
Nel Torneo misto vincono PARDINI e BIG MEYER. Mentre nel doppio femminile FLAMINIA DAINA e EVA D’ELIA (quest'ultima premiata anche come miglior giocatrice del Torneo) la spuntano su VERONICA VISANI e SOFIA CIMATTI e vincono un assegno da 3750 euro.
I due giocatori più forti del torneo (NICCOLO’ STRANO ed EVA D’ELIA) sono stati premiati dalla famiglia Paris con una scultura di Moriconi di Pietrasanta.
Alla premiazione, sotto gli occhi stupiti dei molti turisti presenti, per promuovere il Carnevale di Viareggio, hanno partecipato pure le maschere ufficiali Burlamacco e Ondina, Capitan Pinuglioro del Campo d’Aviazione e Gambe di Merlo di Torre del Lago. 
Infine Roberto Paris (padre del compianto Federico) alla domanda se sarà replicato il torneo risponde così: “Tutta la vita”.
Appuntamento quindi al prossimo anno con il “IV° Città di Viareggio – II ° Memorial Federico Paris” .

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »