energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

A Calenzano “Io, John Coltrane”, la vita e la musica del grande jazzista Spettacoli

Calenzano – Uno spettacolo che ripercorre la storia personale e musicale di John Coltrane. Martedì 16 ottobre 2018 alle ore 21:00
a Calenzano (CiviCa Biblioteca Comunale, via della Conoscenza 11) 
 l’attrice Daniela Morozzi accompagnata da Stefano “Cocco” Cantini racconta la vita del grande jazzista. 

“E’ nell’urgenza di evocare il respiro ed i colori del mondo di Coltrane, di richiamarne l’immagine e la poetica, che si innesta l’esigenza di unire alla musica il racconto”, dice l’attrice. Chi era John Coltrane, l’uomo e non solo il musicista, quali erano i suoi orizzonti, le sue paure, le sue ossessioni, i suoi desideri? E al di là dei riferimenti biografici, della pura cronaca, quali sono le parole che ne possono ricostruire il suono, l’immaginazione, la creatività?

Ecco dunque il perché di “Io, John Coltrane. Quartetto per cinque elementi”: per arricchire la poesia della musica del grande artista americano, con una voce, la narrazione, che ne rielabora l’universo espressivo e ne dà un’interpretazione personale ed originale. Proprio come fanno i brani dell’ultimo cd di Living Coltrane.

Ad accompagnare in questo viaggio il Living Coltrane Quartet, formazione caratterizzata da un suono di scultorea rotondità e autenticamente personale, oltreché da un interplay di grande spessore, è la voce di Daniela Morozzi, attrice già da tempo impegnata in progetti di fusione della parola con la musica e che ha già alle spalle una solida e felice collaborazione con Stefano ‘Cocco’ Cantini. Il testo porta la firma di Valerio Nardoni, scrittore e traduttore, e di Leonardo Ciardi, autore, ed è impreziosito da un contributo del poeta Fabrizio Dall’Aglio.  Gli autori, insieme a Daniela Morozzi, portano sul palco una voce che si amalgama a quelle strumentali, si fonde con loro, si propone, appunto, come il quinto elemento, che esprime gli stessi contenuti degli strumenti e lo fa con la forza della parola.

 Foto: Daniela Morozzi

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »