energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Come i Big Data hanno anticipato la vittoria della Brexit Innovazione, Internet, Opinion leader

Firenze – Uno studio dell’Università di Trento coadiuvato da un progetto europeo ha svolto una analisi di dati, diremo meglio in termini Big Data che già conosciamo, una Predictive Analysis riguardo a quello che sarebbe potuto essere il risultato finale del referendum più celebre del mondo, quello inglese del 23 giugno scorso; rimanere o uscire definitivamente dall’Unione europea; la Brexit.

L’indagine è iniziata circa venti giorni prima la data del voto dal 1° al 21 giugno.
A livello di preparazione ci sono voluti tre anni per sviluppare la tecnologia adottata per costruire il sistema di Predictive Analysis; secondo step, la tecnologia è stata messa a lavoro in tempo quasi-reale nell’analisi dei flussi di conversazione dove sono stati scandagliati milioni di conversazioni di internauti sulle principali piattaforme presenti nel web, dai Social Media più importanti, Twitter e Facebook, alle testate giornalistiche più popolari fino ai blog tematici.

Questo studio è riuscito a intercettare con una inaspettata precisione numerica l’andamento delle singole conversazioni sia a favore che contro il rimanere all’interno dell’Unione europea da parte del Regno Unito; Remain or Leave.
Gli internauti “ascoltati” erano una parte dei 17 milioni degli aventi diritto di voto del Regno Unito e le conversazioni che hanno dato risalto alla ricerca non si svolgevano solamente in inglese ma anche in altre lingue.

Il progetto coordinato dal Prof. Giuseppe Riccardi dell’Università di Trento si chiama SENSEI ed è stato finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del 7° programma quadro di ricerca e sviluppo tecnologico; membri del progetto in qualità di partners sono le Università di Aix-Marseille, di Sheffield e di Essex, Università, queste specializzate nello studio delle tecnologie del linguaggio e dell’intelligenza artificiale, elemento basilare ai fini della ricerca; altri partners due aziende: WEBSAYS (Spagna) e Teleperformance (Italia).

Come funziona –  lo studio lavora su di una analisi semantica e discorsiva della conversazione grazie all’utilizzo di specifici algoritmi che incrociando i dati fra loro riescono a leggere le conversazioni e ad interpretare le intenzioni di voto; è una tecnologia che si basa sulle più moderne tecniche di linguistica computazionale, apprendimento automatico con l’interazione uomo-macchina. Oltre all’approccio qualitativo della tecnologia in uso c’è anche quello quantitativo ossia l’analisi di una grande massa di dati provenienti dalle diverse fonti della rete delle oltre dieci milioni di conversazioni analizzate in tempo quasi-reale.

Il risultato – il lavoro di ascolto durato 20 giorni, ha avuto uno scarto dell’ordine di pochi centesimi di punto percentuale, ha anticipato in predizione esattamente il risultato del referendum dando la vittoria dei Leave al 51,79%: ricordiamo che il risultato effettivo del referendum per i Leave fu del 51,90%! Niente da obiettare per gli Exit Polls che davano i Leave perdenti al 45%?
Links:
progetto SENSEI:
http://www.sensei-conversation.eu

Analisi Brexit:
http://www.sense-eu.info

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »