energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lavoro, Comitato Grandi Imprese: a Firenze mille nuovi posti in 5 anni Economia

Firenze – Mille nuovi posti di lavoro in città. Chi non ci crede può chiedere al Comitato Grandi Imprese della Città Metropolitana coordinato da Fabrizio Landi, consigliere economico del sindaco Dario Nardella. Certo, i posti sono previsti nei prossimi cinque anni, come dice la ricerca  condotta da Comune e Camera di Commercio di Firenze e Confindustria, e dovrebbero essere messi a disposizione da 17 grandi aziende che operano sul territorio fiorentino. 

Non sperino tuttavia gli “umanisti”: fra i profili maggiormente richiesti, ci sono gli ingegneri, in particolare progettisti meccanici e analisti termostrutturali, specialisti del web, nello specifico cloud specialist, cloud security, web marketing specialist e della logistica, ma anche tecnici di cantiere, gestionali e di sviluppo prodotti. Particolarmente apprezzato il ricorso al tirocinio formativo in azienda di studenti provenienti dall’università, dalle scuole secondarie superiori e dalle scuole di avviamento aziendale.

“Le esigenze segnalate dalle imprese evidenziano come il mercato del lavoro sia in una fase cruciale e potenzialmente positiva – ha sottolineato il presidente della Camera di Commercio, Leonardo Bassilichi spetta a noi recepire questi segnali e canalizzarli verso un sistema della formazione che si allinei sempre più con le esigenze delle imprese“. Bassilichi ha aggiunto che “Camera di Commercio di Firenze si candida a sviluppare quegli strumenti operativi per conciliare le esigenze delle imprese con l’offerta formativa”.

“La scoperta che alle grandi aziende servono mille posti di lavoro in 5 anni – ha sottolineato la vicesindaca di Firenze Cristina Giachi è il risultato di una scelta precisa: un lavoro di coordinamento che ha visto protagonisti, fra gli altri, il Comune di Firenze, Camera di Commercio e Città metropolitana. Dal ministero avevamo avuto il via libera alla sperimentazione di questo progetto di alta formazione, ma quando il decreto sulla buona scuola diventerà legge quella che oggi è una Best Practice a Firenze diventerà un modello virtuoso da applicare in tutta Italia”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »