energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

75 bambini Oratorio Paperino bloccati sotto il Sole sul monte Calvana: morto bambino di 11 anni Cronaca

Camminare sotto il sole può giocare brutti scherzi ed oggi il tiro mancino il destino lo ha lanciato ad una comitiva di 75 bambini, tra gli 8 e i 17 anni, tutti dell'Oratorio della parrocchia di Paperino, diocesi e provincia di Prato, che erano in gita sul monte Calvana, un’altura sopra Prato, assieme al loro parroco, don Carlo Gestri. Una gita consueta, organizzata tutti gli anni dalla parrocchia in quella località. Dopo aver percorso alcuni chilometri nella canicola, alcuni bambini hanno accusato dei malori nei pressi della località Casa Bastioni. Quando i soccorsi sanitari sono arrivati, via terra e dal cielo, i piccoli sono subito apparsi stremati dalla calura e visibilmente disidratati. In particolare uno di loro, Franco Lori, di appena 11 anni, è apparso più grave degli altri ed è per questo stato trasportato in codice rosso, con l’elisoccorso Pegaso, all’ospedale Careggi di Firenze, dove è deceduto. Dato che il luogo in cui si trovava la comitiva di scout era impervio, sono intervenuti i Vigili del Fuoco del comando di Prato, che hanno trasferito in elicottero, a 7-8 per volta, tutti i bambini al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Prato, In via Paronese i 75 bambini, il parroco di Paperino ed i due accompagnatori adulti sono stati assistiti e rifocillati in attesa dei rispettivi genitori. Come precisato in serata dalla Asl 4 di Prato, a Casa Bastioni sono intervenute un'ambulanza medicalizzata ed un mezzo fuoristrada, nonché l'elisoccorso Pegaso ed un elicottero dei Vigili del Fuoco di Bologna. Nella centrale dei pompieri pratesi, invece, è stata una equipe medica composta da Simone Magazzini, Michele La Nigra, Valentina Bauer, Elisa Nesi, Laura Trombacco e Roberto Cesario a prestare soccorso ai piccoli disidratati e visibilmente spaventati.

Il dolore della famiglia dei piccolo Franco (di Franco Mariani)
La Procura di Prato ha aperto ovviamente un inchiesta per capire le cause del decesso, che potrebbero dipendere da un problema cardiaco congenito. Gli investigatori stanno ascoltando tutte le persone direttamente coinvolte e domani la Procura deciderà se disporre l'autopsia oppure no. ''Non mi interessa parlare con i medici. Ormai non possono guarirlo'', ha detto il padre di Franco, fuori dall'ospedale fiorentino di Careggi. La prima ad arrivare, in lacrime, è  stata la madre, accompagnata dalla sorella e dalla nipote. Il padre, autotrasportatore, è arrivato dopo circa un'ora: era al lavoro sulla costa toscana quando ha saputo della morte del piccolo, che era figlio unico. ''Lo abbiamo mandato sperando che si facesse nuovi amici, anche se lui preferiva stare in casa a giocare con il computer – ha raccontato – Ora gli amici se li è fatti in Paradiso''. Il bambino non aveva avuto particolari malattie, ha detto: ''era tifoso della Fiorentina: avrebbe voluto giocare a calcio, ma… era una schiappa…''.

Il cordoglio del vescovo di Prato (di Franco Mariani)
Al dolore della famiglia sta partecipando tutta la diocesi di Prato in quanto il giovane frequentava l'Oratorio estivo della parrocchia di Paperino. "Sono affranto per la morte di questo nostro bambino", ha detto il Vescovo di Prato Gastone Simoni, che si è subito mobilitato per mettersi in contatto sia con il parroco, don Carlo Gestri, sia con la famiglia del bambino. In serata il Vescovo ha raggiunto la famiglia all’ospedale di Careggi dove è stato portato il piccolo. "Prego il Signore per il bimbo e per la sua famiglia, che ho nel cuore. Questa morte è un fulmine funesto in una realtà bellissima come quella degli oratori estivi parrocchiali che da anni compiono un servizio prezioso ai ragazzi, alle famiglie e alle parrocchie e quindi a tutta la società pratese. Si tratta di quasi 3.500 ragazzi e di una quarantina di oratori". In segno di lutto la direzione della Pastorale giovanile che coordina l’Estate ragazzi estivi, in accordo con il Vescovo, ha cancellato la festa diocesana degli oratori in programma il prossimo 3 luglio. Il Vescovo Simoni invita tutti a stringersi attorno alla  famiglia e chiede una preghiera per loro e per tutti i ragazzi della Diocesi.

Foto: http://www.leggo.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »