energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Commercio al dettaglio, in calo quello non alimentare, elettronica in controtendenza Breaking news, Economia

Firenze – Arrivano dall’Istat  i dati relativi al commercio al dettaglio riferiti a luglio 2018. Il comparto dei beni non alimentari registra un calo tendenziale delle vendite che coinvolge gran parte dei settori, con poche eccezioni, tra le quali emerge quella relativa alle vendite di elettrodomestici, radio, tv e registratori, aumentate del 5,1%. In crescita, seppure più contenuta, anche dotazioni per l’informatica, telecomunicazioni, telefonia (+1,5%) e Utensileria per la casa e ferramenta (+0,6%).

Nello specifico, secondo la nota diffusa dall’Istat, “a luglio 2018 si stima che le vendite al dettaglio diminuiscano, rispetto al mese precedente, dello 0,1% in valore e dello 0,2% in volume. La lieve flessione complessiva è dovuta al calo delle vendite dei beni non alimentari (rispettivamente -0,3% in valore e -0,4% in volume), mentre sono in leggera crescita quelle di beni alimentari (+0,2% in valore e +0,1% in volume”.

Nel trimestre maggio-luglio 2018 rispetto al trimestre precedente, si registra un aumento delle vendite in dettaglio in valore (+0,5%) mentre restano stazionarie in volume. Le vendite di beni alimentari sono in crescita in valore (+0,6%) e in leggera flessione in volume (-0,1%); quelle di beni non alimentari sono in aumento sian in valore sia in volume (+0,2%).

Su base annua, le vendite al dettaglio diminuiscono dello 0,6% in valore e dell’1,8% in volume. Le vendite di beni non alimentari registrano un calo dell’1,0% in valore e dell’1,5% in volume,  mentre quelle dei benialimentari sono in aumento in valore dello 0,2% e diminuiscono in volume del 2,1%. “La contenuta crescita tendenziale del valore delle vendite del settore alimentare – segnalano dall’Istat- è pertanto dovuta esclusivamente all’aumento dei prezzi.

Sempre a livello tendenziale, il valore delle vendite al dettaglio registra un lieve calo per la grande distribuzione (-0,1%) e una diminuzione più consistente per le imprese operanti su piccole superfici (1,5%). In sostenuta crescita, invece, il commercio elettronico (+13,6%).

Print Friendly, PDF & Email

Translate »