energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Commercio, l’anarchia degli orari creerà rendite di posizione Opinion leader

E' sbagliato su un punto fondamentale che non viene esplicitato. Se in un paese c'é un solo emporio e se la domanda cresce perché i redditi della popolazione del paese aumentano, il padrone può aumentare i prezzi. In questo caso permettere l'apertura di un altro emporio sarebbe giustificato. Nel caso in cui vi sono già molti punti di vendita e la domanda non cresce, se non per prodotti particolari come gli I-Pad e gli smartphones, l'apertura di nuovi negozi o la liberalizzazione degli orari di apertura, non cambia niente. Non crea nuovo lavoro, bensì crea una pressione su commessi e commesse allo scopo di farli lavorare più a lungo anche rinunciando a compensi aggiuntivi.
Il pubblico non comprerà di più perché i negozi stanno aperti anche di notte, cambierà solo la distribuzione temporale degli acquisti. 
Se il negozio è a conduzione familiare, i proprietari dovranno sottoporsi ad un autosfruttamento, per così dire. Se il negozio é localizzato in una zona movimentata potranno assumere del personale ma a scapito di altri negozi, sempre in base alla considerazione che gli acquisti TOTALI dipendono dai redditi dei clienti e non dagli orari di apertura e chiusura. In realtà l'anarchia degli orari, oltre ad aumentare la cacofonia della vita cittadina, creerà tante situazioni differenziate e quindi permetterà  posizioni di rendita oligopolitisca per quelli nelle posizioni più favorevoli.
Il punto che viene nascosto da chi argomenta come Grassi, forse per mancanza di conoscenze adeguate, è che l'occupazione complessiva e quindi un’eventuale creazione addizionale di occupazione non nasce da attività micro bensì dipende dalla dimensione macroeconomica, cioè dalla spesa totale.  Tralascio i possibili commenti sulle banalità circa la ricerca alternativa, rispetto ai centri commerciali, di luoghi di socialità: la bellissima piazza  ove si é svolta l'assemblea Occupy Firenze viene regalata al degrado da anni. Di che cosa sta parlando il Grassi, a Firenze poi?! …

 

Joseph Halevi, economista

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »