energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Compravendita case, cresce richiesta prezzi bassi, Firenze tiene Economia

Firenze – E’ l’ufficio studi di Tecnocasa a dare alcune indicazioni circa le caratteristiche della domanda che riguarda le case. La disponibilità di spesa a ottobre 2014, informano i ricercatori della società, nelle grandi città si concentra nella fascia di spesa tra 120 e 169 mila euro (23,2%), seguita dalla fascia immediatamente successiva (170-249 mila euro), che incide per il 22,9%, e da quella più bassa (fino a 119 mila euro), che invece pesa il 22,6%.

Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso si nota “un netto aumento della percentuale sia su quest’ultima classe (+3,3%) sia su quella successiva, tra 120-169 mila euro (dal 22,2% al 23,2%). Dalla parte opposta, si evidenzia una diminuzione su tutte le altre fasce di spesa”.

A discostarsi dalla media delle grandi città sono Roma, dove la maggioranza delle richieste riguarda immobili dal valore compreso tra 250 e 349 mila euro (26,5%); Milano, Firenze e Bari con una maggiore concentrazione nella fascia compresa tra 170 e 249 mila euro; Napoli, Palermo, Torino e Verona, dove invece è la fascia più bassa ad essere la più gettonata, quella fino a 120 mila euro.

Un aumento molto forte della quota di chi desidera spendere fino a 119mila euro emerge nei capoluoghi di regione che non sono grandi città. La quota, che un anno fa incideva per il 33,8%, adesso comprende il 41,7%. In diminuzione tutte le altre fasce di spesa, in particolare quelle comprese tra 120 e 169 mila euro e tra 170 e 249 mila euro. Il movimento verso le fasce di spesa più basse si rileva dunque anche nelle città più piccole, con percentuali più elevate rispetto a quanto registrato nelle grandi città. Motivo? Prezzi più bassi, dice Tecnocasa, e diminuita capacità di spesa. Ma le previsioni sono ancora peggio: “L’analisi in questione, inoltre, ci fa propendere per una futura contrazione dei valori”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »