energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Consigliera Pd di Firenze: cittadini contrari a via don Setti Notizie dalla toscana

Domani alle 18 via San Remigio, di fronte alla storica omonima chiesa nel cuore del centro storico, cambierà nome: sarà intitolata a don Giancarlo Setti, sacerdote discepolo di Padre Pio, responsabile nazionale dei Gruppi di Preghiera, che ebbe qui la sua ultima parrocchia. A questo proposito Susanna Agostini, Consigliera Comunale del Pd e Presidente della Commissione Pace, ha raccolto alcune perplessità di un gruppo di residenti che domani hanno intenzione di consegnare al Sindaco, che sarà presente alla cerimonia, una raccolta di firme. “Condivido l’importante iniziativa, che conferma la spiritualità del luogo – afferma Agostini – Ciò che appare inopportuno, a mio giudizio e secondo questi cittadini, è la scelta di cancellare il nome dell'antico tratto francigeno, appunto via San Remigio; strada conosciuta fin dal XIII secolo perchè permetteva di raggiungere la chiesa, eretta dai francesi che si recavano lungo la via Francigena in pellegrinaggio a Roma”. Susanna Agostini ricorda che in occasione del primo gemellaggio di Firenze, voluto dal Sindaco La Pira con la città di Reims nel luglio 1954, per rendere più solenne l’evento si tenne una cerimonia religiosa con il Sindaco francese proprio nella chiesa di San Remigio, che è uno dei pochi esempi di architettura alto medievale rimasti intatti, a pochi passi da Palazzo Vecchio. “Giusto ricordare don Setti – conclude Susanna Agostini – ma è giusto e possibile anche rispettare il passato, valorizzando il presente”. Alla cerimonia non interverrà ne il Cardinale Arcivescovo di Firenze, Giuseppe Betori, ne il Vescovo Ausiliare, Claudio Maniago, entrambi impegnati alla Festa della Famiglia organizzata dall'Arcidiocesi allo Spazio Reale di San Donnino.

Per la verità si tratta di una inversione di nomi, in quanto l’attuale via don Giancarlo Setti prenderà il nome di vicolo di San Remigio, mentre l’attuale via di San Remigio si chiamerà via don Giancarlo Setti. Lo ha deciso la Giunta Comunale di Palazzo Vecchio in base alla richiesta dei residenti della zona che hanno più volte manifestato la richiesta di dedicare a Mons. Setti un’area toponomastica di maggiore rilievo e visibilità, indicando in particolare l’attuale via di San Remigio. Nella delibera si legge infatti che “il Regolamento per la Toponomastica prevede espressamente che la scelta della denominazione sia indicativa dell’interesse della comunità fiorentina e che certamente la pressante richiesta della cittadinanza rientra in tale definizione”.  Da qualche tempo gli uffici competenti del Servizio statistica e toponomastica stanno provvedendo ad informare della variazione i cittadini residenti e le attività economiche interessate, dando loro tutti gli elementi per gli adeguamenti del caso – tra cui il cambio di tutti i documenti d'identità, e stampati per le attività commerciali e professionali – e per come provvedere ad apporre le targhette indicanti i nuovi numeri civici, laddove necessario.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »