energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Consumi in Toscana, il calo si arresta Economia

Consumi in Toscana, una piccola, piccolissima speranza si riaccende. Nonostante il segno meno infatti, -4,8%, secondo quanto comunica la Confesercenti regionale sui dati elaborati da Unioncamere, nel secondo trimestre del 2013 il calo delle vendite al dettaglio ha fatto intravedere una battuta d'arresto. Un dato ancora più importante in quanto si colloca su un trend in controtendenza rispetto ai dati nazionali, che registrano un -7,6%.

Ad analizzare la situazione è  Massimo Vivoli, il presidente di Confesercenti Toscana,  che non teme di parlare di leggero spiraglio sulla via della ripresa. Il segno meno (-4,8 %) sui consumi in Toscana in realtà lascia intravedere spiragli di una possibile ripresa. Il II trimestre del 2013, infatti,  ci consegna un dato positivo, e cioè che il costante calo delle vendite al dettaglio ha subito una fase di arresto. Malgrado il grave periodo di crisi-  spiega il presidente di  Confesercenti  regionale- per la Toscana la tendenza è positiva rispetto al resto d’Italia (- 7,6 %). Si conferma il trend  che, a partire dal 2012 , l’economia della regione ha subito meno il calo generalizzato dei consumi. Serve, adesso– conclude- uno scatto che parte dalla politica a sostegno di questo importante, seppur ancora acerbo, cambio di rotta. E’ necessario, infatti che il Governo prenda posizione contro l’ipotesi di aumento dell’Iva e della  pressione fiscale, che porterebbero a un ulteriore impoverimento e quindi calo dei consumi”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »