energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Continua l’attività della Fondazione Circolo Rosselli Cultura

Firenze –  Si è riunita ieri, in remoto, l’assemblea annuale dei soci della Fondazione Circolo Rosselli per l’approvazione del bilancio consuntivo 2020 e l’elezione dei nuovi organi dirigenti.

L’assemblea ha preso atto con soddisfazione della pubblicazione nell’anno 2020 di quattro numeri della rivista “Quaderni del Circolo Rosselli, dedicati rispettivamente al Bicentenario del Consolato Amaricano a Firenze, alla problematica del Post Covid (Costruire il dopo), alla figura di Paolo Barile, a Loris Fortuna nel cinquantesimo della legge sul divorzio.

Dal punto di vista dell’attività svolta si segnalano i quattro webinar organizzati insieme al Censis per l’approfondimento della situazione sociale del paese, e il convegno sul Centenario del Circolo di Cultura dei fratelli Rosselli e di Salvemini, i cui atti sono di prossima pubblicazione nel Primo Quaderno dell’anno 2021.

La Fondazione Circolo Rosselli ha poi deciso di intraprendere con Fondazione Astrid di Franco Bassanini un nuovo ciclo della ricerca congiunta sulle forme di lotta alla povertà In Italia e in Europa alla luce delle conseguenze economiche e sociali della Pandemia del Covid 19.

L’assemblea ha poi eletto i nuovi organi dirigenti della Fondazione per il prossimo triennio: Alla Presidenza è stato confermato Valdo Spini (foto), Vice Presidenti Paolo Golini (rappresentante legale della Fondazione) e Lucia Ferretti, Tesoriere Massimo Tarassi. Del comitato direttivo fanno altresì parte, Antonio Comerci, Alberto Del Carlo Leila El Houssi, Alessandro Guadagni, Pietro Maccari, Piero Manetti, Umberto Pascucci, Anna Maria Petrioli Tofani, Riccardo Pratesi, Andrea Puccetti, Emanuele Vannucci.

Il Collegio dei revisori dei conti è composto da Stefano Ammannati • Giuseppe Giorgetti • Paolo Rossi – Presidente

“Abbiamo fatto tutti del nostro meglio alla Fondazione Circolo Rosselli per tenere aperta naturalmente nel rispetto delle precauzioni vigenti una gloriosa struttura culturale. Accludo il rapporto di tutte le iniziative compite nell’anno trascorso. Per noi il motto riparti Italia, riparti cultura è stata una indicazione che ci ha animato in questa opera.”

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »