energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Contributi europei, al via domande per biologico, vivai e vigneti Economia

Pistoia – In arrivo col Programma di sviluppo rurale (Psr) della Regione Tosvana per la gestione delle risorse del Fondo europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale (Feasr), il sostegno alle aziende biologiche, per il quale sono disponibili 17 milioni di euro. Scadenze 15 maggio e 15 giugno.

È già in moto e presto sarà a pieno regime la ‘macchina’ che stimolerà lo sviluppo dell’agricoltura, della buona alimentazione e della tenuta ambientale e idrogeologica del territorio. Si tratta degli strumenti della Politica agricola comune (Pac) attivi che finanziano le imprese agricole perché ‘produttori’ di benefici per tutta la collettività. Fattori non direttamente agricoli che Coldiretti ha racchiuso nello slogan No Farmers, No Party: senza agricoltori non c’è festa!, che campeggia sul padiglione Coldiretti all’Expo2015. “Uno slogan che comunica che, senza coloro che vivono e lavorano la campagna -spiega Vincenzo Tropiano, direttore di Coldiretti Pistoia- non c’è futuro per uomini, donne, ambiente e territorio a cittadini e classe dirigente”.

È in moto la macchina della Pac. Negli uffici Coldiretti è già possibile per le aziende agricole attivare l’iter per ottenere i contributi europei. Tante le novità della Politica agricola europea nelle regole che varranno fino al 2020/2021, la scadenza per le domande è il 15 giugno 2015.

Per Pistoia la grossa novità – informa la nota di Coldiretti Pistoia – è che rientreranno tra i terreni a contributo Pac anche quelli destinati al floro-vivaismo ed i vigneti, finora esclusi dal finanziamento. In pratica, gli unici terreni agricoli esclusi dal finanziamento base della Pac sono i boschi, aumentando del 50% la superficie agricola che potrebbe accedere ai contributi. Continuano a beneficiare della Pac, infatti, uliveti, seminativi, ecc..

“L’azione e l’impegno di Coldiretti hanno portato all’inserimento dei terreni a vigna e vivaio tra quelli finanziabili dalla politica agricola europea -ha commentato Tropiano-. Per Pistoia è un grande successo e la conferma della valenza positiva per tutto il territorio del floro-vivaismo, l’attività economica che dà lustro e ricchezza alla provincia”.
La Politica agricola comune (Pac), infatti, tende sempre più a premiare i fattori ‘non agricoli’ vale a dire i valori ambientali, di sicurezza alimentare e dell’assetto idrogeologico del territorio.

Le nuove regole sulla Pac prevedono la cancellazione dei Diritti in portafoglio. Con la nuova domanda ne saranno assegnati di nuovi che avranno validità per i prossimi sei anni fino al 2020/2021. Tale operazione si baserà sulla Superficie agricola utilizzata (SAU): ogni ettaro lavorato corrisponderà ad un Diritto in portafoglio.

È quindi fondamentale aggiornare la situazione relativa alla disponibilità di terreno. Per poter ricevere il premio, occorre presentarsi presso gli uffici Coldiretti per sottoscrivere la domanda aziendale e il piano delle coltivazioni. Verrà al tempo stesso fatta una simulazione per verificare l’entità del premio.

Piano sviluppo rurale: pre-bando aziende bio. Sono in arrivo sostegni a chi produce o vuole iniziare a produrre secondo i metodi dell’agricoltura biologica. In attesa degli ultimi passaggi, prima dell’emanazione di tutti i bandi del nuovo piano di Sviluppo rurale della Toscana (Psr), è già possibile presentare domanda di finanziamento per le aziende che sono certificate biologiche o che intendono certificarsi. In provincia di Pistoia sono già decine e decine le imprese agricole interessate.

In tutta la Toscana la Regione ha messo a disposizione 17 milioni di euro. Si tratta di un pre-bando finalizzato a raccogliere domande di adesione alla misura 11 ‘Agricoltura biologica’, per dare la possibilità agli eventuali richiedenti di godere dei benefici previsti già a partire dall’annualità 2015 in attesa che venga approvato in via definitiva il Psr 2014-2020 da parte della Commissione europea.

Le aziende interessate possono presentare le domande fino al 15 maggio 2015. Per informazioni contattare gli uffici zona di Coldiretti Pistoia, da Pescia a Monsummano, da San Marcello a Quarrata e Pistoia. Possono effettuare la domanda anche coloro che alla data del 15 maggio 2015 concludono l’impegno quinquennale relativo all’azione 214 a.1 denominata “Introduzione o mantenimento dell’agricoltura biologica” della precedente programmazione 2007-2013.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »