energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“Contro la Roma, si provano sensazioni strane” Sport

Vincenzo Montella si presenta in sala stampa con la solita pacatezza che lo contraddistingue, anche prima di un match così importante per i viola e per il tecnico, grande ex giallorosso. La prima domanda al tecnico viola é obbligatoriamente sul talento montenegrino viola, assente ormai da 4 partite di campionato, queste le parole del tecnico napoletano: ''Non l'ho visto, il ragazzo è tranquillo, lui si è messo a disposizione: ha chiesto un'ulteriore parere ed  è andato in Germania. Non si è allenato con la squadra: adesso devo vedere come sta ma mi piacerebbe portarlo a Roma''.
A chi chiede della possibilità, uscita sui giornali nei giorni precedenti, di un suo ritorno a Roma a giugno per sostituire Zeman: ''E' una leggenda che io abbia buttato furoi di casa Baldini; Lamela in generale non mi piace, ma come giocatore mi piace. Baldini? Ci conosciamo da tanti anni, fin da quando era dirigente nella Roma: tra noi c'è un rapporto franco e siamo rimasti sempre in contatto. Zeman? E' un allenatore che ha fatto la storia ed è sempre chiacchierato per la sua sempre attuale fisionomia di gioco. Dobbiamo stare attenti quando si gioca contro di lui. La Roma ha imparato a non subire rete''.
A chi, invece, chiede delle caratteristiche della Roma, che ricordano molto quelle della Fiorentina, Montella risponde così: ''Fare paragoni tra noi e la Roma è difficile anche se loro hanno speso di più nel mercato; in attacco sono forse i più forti ma con questo non voglio dire che scambierei i miei giocatori si quelli giallorossi''
Altra domanda d'obbligo è su un altro giocatore in dubbio per domani: Cuadrado, queste le dichiarazioni del tecnico sul colombiano: ''A volte fa bene riposarsi 3-4 giorni; speriamo stia bene, valuterò questo pomeriggio su di lui''.
Come fermare il gioco spettacolare della Roma di Zeman? Montella risponde così: ''Loro sono molto bravi a verticalizzare, hanno una buona velocità e qualità di entrata: sarà fondamentale la lettura delle azioni. Chiunque affronta Zeman si trova sempre in difficoltà''.
Il tecnico napoletano non sembra essere emozionato anche se è un ex di spessore: ''Non so se provo emozione, ad oggi no ma forse domani sì. Ci sono già stato da vversario e devo ammettere che si provano sensazioni strane. Ad oggi il momento più emozionante è stato quando abbiamo affrontato il Catania''.
Sul ''caso''-De Rossi a Roma, che si era espresso a favore del tecnico di Napoli, Montella risponde così: ''Aveva detto che voleva me come allenatore a Roma? Poteva venire a Firenze, anzi… potrebbe venire a Firenze''.
Uno sguardo è rivolto anche allo stress delle ultime due partite: ''A Torino abbiamo fatto una buona gara e siamo finiti in crescendo, con la Samp è stata la partita dove la squadra ha corso di più in assoluto ma abbiamo corso male. La squadra è viva e sta bene fisicamente. Non vedo una squadra stressata''.
Aquilani è un ex di spessore, come il tecnico, questi gli elogi sul giocatore, che oggi scenderà in campo dal primo minuto: ''Non è mai stato riscattato dagli altri club perché costava molto, i nostri dirigenti sono stati bravi. E' un giocatore che ci teniamo stretto. Non so se dall'ambiente romanista sarà il più atteso: qualcuno, a suo tempo, ha fatto delle scelte a Roma su Aquilani. Alberto è un giocatore di temperamento, abituato a giocare davanti a 60.000 persone: sono convinto che non sarà emozionato''.
Elogi anche per un suo ex compagno di squadra: Francesco Totti, Montella ha rilasciato queste dichiarazioni: ''Francesco è un giocatore intramontabile, perché anche in questi anni sta giocando a livelli altissimi: la squadra si appoggia sempre su di lui in momenti di difficoltà. Anche se ora non è più l'esterno tipico di Zeman, riesce a leggere sempre le situazioni più adatte al momento. Nel tempo siamo rimasti sempre amici''.
Per quanto riguarda lo scudetto vinto a Roma, l'ultimo vinto dai giallorossi, anche per merito dei suoi tanti gol, Montella ricorda così : ''Un allenatore parla anche in base alle motivazioni della squadra; io ancora non conosco questa reale Fiorentina e non so quale sia il nostro obiettivo. Solo il tempo dirà qual è la nostra dimensione. Siamo ambiziosi''. Una parola di cordoglio anche su Pizarro e sul lutto che ha colpito il giocatore: ''Siamo tutti vicini a David, siamo andati a trovarlo a casa appena lo ha saputo. Gli abbiamo lasciato ogni libertà di scelta per andare in Cile''.
A chi insinua un rimpianto per la panchina giallorossa sfumata, Montella replica conciso: ''La Roma ha scelto in una certa maniera e sono felice, anche adesso che sono a Firenze''.
A chi ipotizza un cambio di modulo per domani, Montella replica: ''Abbiamo delle caratteristiche precise e l'obiettivo è quello di tenere sempre la palla''.
Sugli infortuni gravi di Hegazi e Camporese Montella replica: ''Sono dispiaciuto per Hegazi perché ha delle ottime qualità ed avrebbe avuto sempre più spazio; gli faccio un grande in bocca al lupo. Spero che possa tornare pronto per finire la stagione o per iniziare quella nuova. Camporese si è allenato poco. Il mercato? Vediamo gennaio: abbiamo anche Migliaccio per quel ruolo''. Una parola anche su Mati Fernandez: ''Ci aspettiamo un po' tutti di più da lui, perché ha qualità''.
Una parola anche sui nomi di Giuseppe Rossi o Osvaldo accostati alla maglia viola già a Gennaio: ''Magari tutt'e due…''
Ultima battuta anche sul talento di origini marocchine: El Hamdaoui: ''Deve vedere più la porta, deve essere più egoista: è un giocatore che ci piace e che ci piacerebbe conoscere meglio. Mi auguro che per lui domani sia una giornata importante''.

 Niccolò Dainelli

Print Friendly, PDF & Email

Translate »