energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Controlli per la movida: un arresto e otto denunce Notizie dalla toscana

Ancora un fine settimana movimentato in città soprattutto durante la notte. I locali del centro storico, concentrati principalmente nelle traversine di Borgo Stretto sono un’attrattiva per i giovani in cerca di divertimento, ma anche per sbandati e spacciatori in cerca di clienti, rendendo di fatto molti vicoli luoghi di incontro per traffici illeciti.
Così i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pisa hanno dato vita a un serie di controlli nelle notti del fine settimana per garantire la sicurezza dei residenti e di quanti frequentano il centro.

Nei pressi di Piazza delle Vettovaglie è stata arrestata una donna (S.S. classe 1961), italiana, pregiudicata, sottoposta alla Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno. I militari, infatti, nel corso dei frequenti controlli nella storica piazza, hanno sorpreso la donna alle 22.30 in compagnia di un altro pregiudicato. Considerato che la donna aveva l’obbligo di non uscire di casa dopo le 21 è stata dichiarata in arresto per violazione delle prescrizioni.

Sempre nell’ambito dei controlli alla movida, i Carabinieri della Compagnia di Pisa hanno denuciato quattro persone per ubriachezza manifesta perché sorpresi in luogo pubblico alle 02.30 di notte fermi a consumare birra accanto alla propria autovettura sulla quale avevano installato un potente impianto stereo che tenevano a tutto volume.
Inoltre, sui Lungarni e nella zona di Ospedaletto, sono state denunciate altre tre persone per guida in stato di ebbrezza. Infine, un ultimo ubriaco è stato denunciato per atti contrari alla pubblica decenza perché sorpreso a urinare in strada proprio nei pressi del Teatro Verdi.

Al Comune di Pisa – spiega una nota dell'Arma – verranno segnalate “alcune situazioni di degrado urbano consistenti nella scarsa o totale assenza i illuminazione di alcuni vicoli del centro storico che possono favorire episodi di illegalità rendendo di fatto i luoghi altamente insicuri”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »