energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Coppa Italia D, Il destino delle 12 toscane ancora in ballo Sport

Firenze – Il rebus della Coppa Italia 2015-2016, dopo rinvii e polemiche in agosto, pare sorridere alle 12 toscane ancora in lizza nella importante manifestazione che darà la Lega Pro alla vincente nella Finalissima del 15 aprile del prossimo anno. Oltre ad un bel gruzzoletto che non scommoda mai. Intanto il Poggibonsi ha saltato il Preliminare e farà lo stesso per il Primo Turno di mercoledi 28 ottobre 2015 alle 14,30 come partecipante alla Tim Cup ed entrerà in gioco soltanto mercoledi 18 novembre 2015, stesso orario nei Trentaduesimi di Finale.

Il Sansepolcro, pur federalmente umbro, in questo contesto considerato provincialmente come aretino quindi nel lotto delle magnifiche di casa nostra, abbinato, alla prossima giornata di fine mese, al Gubbio, che giocherà in casa, in Gara 35. In caso di superamento, a novembre, secondo l’apposito completo Tabellone, appena comunicato dalla Federazione, vedrà come avversaria la vincente di Gara 36 fra Foligno e Gualdo. Facendo un passo indietro letteralmente e numericamente, ecco la sorte delle altre nostre squadre. In Gara 27 chi fra Massese e Viareggio ce la farà, tenendo ovviamente conto degli innumerevoli incontri di campanile, visto il criterio della vicinanza geografica, si troverà chi vincerà in Gara 28. Che vedrà di fronte Ponsacco e Ghiviborgo. Ancora avanti. In Gara 29 Scandicci e Montemurlo, che diranno il team che farà strada incontrando l’undici di Gara 30 collegata, adesso fra Sangiovannese e Fortis Juventus di Borgo San Lorenzo. Infine, in Gara 31, Grosseto-Colligiana dirà chi troverà la formazione che prevarrà, in Gara 32, fra Jesina e Bellaria.

In prospettiva, con questa chiave che ha dato la Lnd, che interverrà soltanto per i sorteggi dei campi nei vari turni, almeno fino alle Semifinali con gare secche con rigori in caso di parità al 90′, si può facilmente intravedere il futuro delle attuali 12 compagini. Che si intrecceranno, se del caso, in prima battuta in campo lungo fino ai Sedicesimi, con romagnole, marchigiane ed umbre. Chi vivrà, poi vedrà ma per ora, perlomeno nella prima sfida con le liguri, il bilancio è ampiamente positivo. Ed allora, via. Continuiamo così. Per quanto possibile.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »