energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“Corsa dell’Arno”, al via la gara di galoppo più antica d’Italia Sport

 Stamani mercoledi all’ippodromo delle Cascine è stata presentata la “Corsa dell’Arno” in programma venerdi prossimo. In quella occasione il “Visarno” si vestirà a festa per la celebrazione dell’antico rito sociale ed ippico di Firenze perché si tratta della 187° edizione della corsa di galoppo che è la più antica e più prestigiosa d’Italia. I suoi esordi si perdono nel tempo visto che questa corsa debuttò nel Prato del Quercione. Venerdi torna di scena, ma questa volta nel rinnovato ed accogliente ippodromo del Visarno.

Stamani alla conferenza stampa è stato Carlo Meli, esponente della famiglia che gestisce l’impianto, ad illustrare la corsa questa famosa ed attesa corsa. Presente pure l’attrice Barbara De Rossi che sarà la madrina di questa “187° edizione”.

La “Corsa dell’Arno” venerdi è al centro di un programma di sei gare. E vanta un monte premi di 55 mila euro (al vincitore andranno 21mila euro). L’ippodromo aprirà i battenti alle ore 12,30 (donne e bambini ingresso gratis; uomini due euro) e le corse avranno inizio alle ore 15,35.

Sono dodici i partenti nella “Corsa dell’Arno, un handicap sui 2200 metri di pista grande. Il sette anni tedesco Orsino, avversario ostico da battere persino per il DerbyWinner Biz the Nurse, merita di gran lunga la qualifica di favorito numero uno.

L’allievo di Rohne, caro a Kurt Fekonja, sarà montato da Luca Maniezzi. Ma per non deludere il pronostico dovrò presentarsi in piena forma al tondino gigliato perché i rivali non mancano. Fra loro svettano particolarmente il veterano Frankenstein di Roberto Cavalli vincitore dell’edizione del 2011 ed ottimo secondo di Solomar l’anno passato. Poi Romito, affermatosi con merito ed in souplesse nel probante test pre Arno, nel Premio Giuseppe Camarrone del 5 aprile scorso. Ma anche se forse è giusto metterlo un gradino sotto il bottiano di quattro anni The Lion Fish rientrato recentemente a Firenze al terzo posto. Ma sembra in grado di fare ancora meglio.

Da Milano, targato Biondi, scenderà Benvenue, alfiere dell’Incolinx, deciso a conseguire un buon piazzamento. Da segnalare due validi sottoclou : il Premio Mipaaf – euro 11mila – una condizionata per cavalli di tre anni sui 2000metri di pista grande e l’ormai tradizionale

Premio Ubertino Donati, altra condizionata, per purosangue anziani di 4 anni ed oltre sui 1500 metri in pista grande con una dotazione di 11 mila euro.

Queste due corse si presentano molto interessanti ed aperte, quindi senza pronostico.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »