energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Cosmopolis – Cronenberg divide il pubblico Cinema

Cosmopolis è un dramma che esplora le conseguenze del capitalismo in una società ormai al tramonto, in cui i valori umani sono stati definitivamente oscurati. Il protagonista è Eric Packer (Robert Pattinson), un giovane e depresso manager miliardario che attraversa New York nella sua limousine, deciso ad andare nel suo vecchio quartiere per farsi tagliare i capelli. Nella sua auto superaccessoriata e computerizzata in costante contatto coi mercati azionari, l'uomo fa riunioni di affari, si sottopone ad approfondite visite mediche, costantemente protetto da guardie del corpo, preoccupate per una fantomatica minaccia alla sicurezza. Mentre una delle sue speculazioni rischia di portarlo verso la totale bancarotta, Eric si trova continuamente alle prese con bizzarri incontri e situazioni grottesche. Così con il proseguire della giornata il giovane si imbarcherà in una odissea allucinante e allucinata verso un obbiettivo irraggiungibile e sconosciuto.

David Cronenberg è un regista molto particolare, che spesso genera reazioni contrastanti nel suo pubblico, dall'amore più sviscerato (come il sottoscritto) fino all'odio più totale. Il romanzo di Don DeLillo da cui è tratto il film ha generato nella critica statunitense le stesse reazioni, da una parte chi ha amato il romanzo e dall'altra invece chi lo ha odiato tacciando DeLillo di "usare una scrittura fastidiosa e spigolosa" presentando una storia "dove non succede nulla".
Non sorprende, partendo da queste premesse, che questa nuova opera di Cronenberg possa essere considerata da alcuni come un bellissimo film, mentre da altri un banale esercizio di stile. Infatti il film si presenta come una sorta di flusso di coscienza cinematografico, il romanzo è stato paragonato da molti con l'Ulisse di James Joyce, in cui si susseguono episodi sempre più strani e grotteschi. Un flusso di dati che si perde nell'etere, come i miliardi che il protagonista perde attraverso le speculazioni azionarie.
Spinto da un mantra quasi autistico "Aggiustare il taglio", Eric si spinge in questa Odissea verso la propria distruzione (o liberazione), incarnando in se stesso un mondo, quello capitalista, che come non mai ha perso la propria morale, diventando una sorta di mostro che si spinge verso l'auto-distruzione. Spinto dalla fame di nuove esperienze sempre più al limite, Eric incarna uno dei personaggi chiave della cinematografia di Cronenberg. Infatti molti dei temi cari all'autore sono presenti nel film: dalla fame di sesso, al dolore come unico mezzo per rapportarsi con il proprio corpo e quello degli altri, la violenza che si diffonde come una vera e propria malattia, fino al tema della mutazione, magistralmente narrato nel film Inseparabili di cui si sentono forti echi.

Personalmente ho amato Cosmopolis e lo consiglio a tutti gli amanti del cinema, e specialmente a coloro che amano il nostro regista canadese. Eccezionale la prova d'autore di Robert Pattinson, protagonista indiscusso della pellicola, che finalmente riesce a scrollarsi di dosso il ruolo del vampiro Edward dimostrandosi un talentuoso attore. Utilizzando una regia tagliente come la scrittura di DeLillo e frammentando sempre più la linea narrativa, Cronenberg ci mette di fronte ad una pellicola che si pone come vero e proprio specchio dei nostri tempi, una spietata analisi dell'influenza del denaro sul mondo e sulla vita delle persone. Un'influenza che può essere spezzata solo con un atto di violenza distruttiva, elemento che nel cinema di Cronenberg è sempre stato visto come pura creazione artistica.

Regia: David Cronenberg
Sceneggiatura:  David Cronenberg (dal romanzo di Don De Lillo)
Genere: Drammatico
Nazione: Francia, Canada
Durata: 108'
Interpreti: Robert Pattinson, Paul Giamatti, Jay Baruchel, Kevin Durand, Juliette Binoche, Emily Hampshirem, Samantha Morton
Fotografia: Peter Suschitzky
Montaggio: Ronald Sanders
Produttore: Prospero Pictures, Alfama Films, France 2. Cinèma Kinology. Talandracas, Telefilm Canada, Leopardo Filmes, Rai Cinema, Canal +, Radiotelevisão Portuguesa

Print Friendly, PDF & Email

Translate »