energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Covid e casa, l’assessore Vannucci: “Ecco le misure messe in campo” Breaking news, Cronaca

Firenze – Affitti privati e affitti pubblici, la questione dei canoni e della tutela delle famiglie ai tempi del covid è affrontata con determinazione e spirito di confronto dall’assessore alla casa del Comune di Firenze Andrea Vannucci, che fa il focus sul punto sulla falsariga di quanto già lanciato sul tema dal sindaco Dario Nardella. Due punti molto importanti del pacchetto misure a tutela dei nuclei famigliari cittadini che comprendono anche altri aspetti, dal rinvio della fiscalità locale alle misure per la questione alimentare, che riguarda sia i buoni spesa che i pacchetti alimentari.

Assessore, partiamo dal contributo affitto  e dal bando per il contributo straordinario?

Per quanto riguarda il contributo affitto, stiamo lavorando su due fronti, consapevoli che si tratta di una misura che dà tanto sollievo alle famiglie in tempi ordinari, e dunque diventa ancora più essenziale in un momento anomalo come quello che stiamo vivendo. Siamo al lavoro per accelerarne l’erogazione rispetto alla scadenza naturale. L’altro provvedimento nato per fronteggiare l’emergenza attuale, riguarda l’intervento straordinario per le famiglie in crisi per i provvedimenti di contenimento della pandemia. Le risorse sono quelle sbloccate o ridestinate dalla Regione Toscana, anche su istanza dei comuni,  per far fronte all’emergenza, e che, per il Comune di Firenze, ammontano a oltre il milione di euro.

Devo fare un grande ringraziamento a tutto l’Ufficio casa che sta facendo un lavoro straordinario dimostrando un grande spirito di servizio.

E per quanto riguarda i tempi?

Siamo al lavoro per accelerarli, il che significa che pensiamo di essere operativi verso la fine della settimana prossima, in anticipo sulla scadenza del 30 aprile. Il bando straordinario emergenziale resterà aperto per 20 giorni. Il contributo sarà calcolato sula base del 50% del canone e comunque non potrà essere superiore a 300 euro al mese. Si tratta di tre mensilità.

Quali saranno i requisiti per l’accesso?

Il bando straordinario è rivolto a chi ha subito una diminuzione del reddito a causa del covid-19, e i requisiti ricalcano più o meno quelli stabiliti per i buoni spesa. In caso di impossibilità di produrre la documentazione, varrà l’autocertificazione, con controlli a campione fra il 10 e il 20%. Inoltre, sempre per quanto riguarda il settore dell’affitto privato privato, sto inviando la convocazione ai sindacati inquilini e proprietari, per dar corpo al patto sociale lanciato dal sindaco e già proposto dai sindacati inquilini.

Sul fronte pubblico quali saranno gli strumenti che impegnerete per l’emergenza?

Per quanto riguarda il pubblico, in linea con quanto espresso dal sindaco, considerando l’eccezionalità del momento della città che sta vivendo, abbiamo dato mandato a Casa spa di utilizzare in senso estensivo tutti gli strumenti di per se’ incisivi previsti dalla legge, partendo dalla considerazione dello spirito altamente sociale che informa la legislazione del settore.

Dunque, si sta parlando degli strumenti emergenziali già stabiliti dalla legge 2/2019…

Sì, con il requisito aggiuntivo della esetensività e della velocizzazione. Sto riferendomi sia a decisioni già prese, come la sospensione delle more sui pagamenti immediatamente stabilita, che alle fattispecie giuridicamente previste, dalla possibilità di ricorrere al fondo sociale per il pagamento delle quote condominiali, al ricalcolo immediato del canone per la riduzione del reddito, tutte misure che vanno incontro a tutti quei nuclei che stanno vivendo, in conseguenza dell’emergenza sanitaria, una vera e propria emergenza economica.

Inoltre, abbiamo compiuto anche un passo in più: abbiamo istituito un tavolo (virtuale. come inevitabile di questi tempi) con le componenti della commissione Erp, che, come prevede la nuova legislazione, comprende anche i sindacati come membri effettivi, per proporre e valutare criteri per la rimodualzione dei canoni per chi ne fa domanda, documentando l’effettiva riduzione del reddito, caso per caso. Del resto, voglio sottolineare che la concertazione è un metodo essenziale per dare rispopste alla città,  soprattutto in una fase come questa; ma non soltanto.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »