energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Covid, un braccialetto elettronico per monitoraggi a distanza Breaking news, Cronaca

Arezzo – Un braccialetto elettronico per il monitoraggio a distanza. Il sistema, che riguarda i pazienti Covid in isolamento a casa,  è stato messo in atto dall’Asl Toscana sud est, che è anche la prima prima azienda sanitaria in Italia a usarlo, secondo quanto spiegato: mette in collegamento, 24 ore su 24, chi è positivo e i medici.

Il braccialetto si avvale dello smartphone per inviare ogni cinque minuti,al 118 e all’Usca di riferimento, ma volendo anche ad altri referenti, parametri essenziali quali ossigenazione, frequenza cardiaca, indice di qualità del segnale della saturimetria e temperatura corporea. Il monitoraggio è fatto in automatico dal sistema: nel momento in cui rileva un trend negativo, allerta la centrale. Il braccialetto è monouso e funziona per 10 giorni.

Il progetto è del 118 di Arezzo ma presto verrà diffuso anche alle altre aree provinciali dell’Asl Toscana sud est, a cui fanno capo anche i territori di Siena e Grosseto.
“E’ un sistema integrato perché unisce le competenze e le disponibilità del 118 e delle Usca – spiega il dg dell’Azienda sanitaria Antonio D’Urso – in questa prima fase ne attiveremo 200. In questo modo garantiamo un ulteriore livello di sicurezza anche per pazienti che, pur positivi al Covid, non hanno necessità del ricovero ospedaliero. E’ una garanzia per la loro salute ma anche un aiuto a vivere, in minor solitudine, una malattia che, anche nel caso sia senza sintomi, genera ansia e angoscia”.

“E’ destinato a pazienti Covid positivi a domicilio che siano a rischio di aggravamento delle loro condizioni ma che ancora possono stare a casa in sicurezza – aggiunge Giovanni Sbrana, referente del progetto e vice direttore della Uoc Co 118 Arezzo – ad ogni paziente viene assegnato uno dei tre programmi di cura che abbiamo predisposto: quello standard, quello per chi ha più di 75 anni e quello per chi soffre di broncopneumopatia cronica ostruttiva”.  Al paziente viene chiesto di avere uno smartphone e di rispondere a eventuali domande dei medici o rispondendo al telefono o tramite messaggi Whatsapp. Se per varie ragioni, le persona non fosse in grado di farlo, il 118 la cataloga tra quelle che non sono in grado di rispondere e quindi, in caso di problemi, non telefona ma manda il medico a casa.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »