energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Crisi, cala la domanda d’energia eletrica Economia

E se provassimo a leggere la crisi anche con i dati sul consumo di energia che ci offre Terna nel suo Rapporto mensile sul sistema elettrico, consuntivo ottobre 2012? Il primo dato che salta agli occhi è che la domanda di elettricità nazionale, a ottobre, è diminuita del 3,7% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, mentre la richiesta nazionale dall'inizio dell'anno a ottobre 2012 diminuisce del 2,4%. Un salto in giù che è senz'altro addebitabile alla crisi che attanaglia famiglie e imprese, per cui i costi energetici stanno diventando sempre più un problema. E, se  le molte aziende in chiusura o già defunte non richiedono più energia per legge di natura, le famiglie e le imprese rimanenti si suppone che tentino anche la via di un consumo più ragionato e parsimonioso. Evitando gli sprechi.

Anche la Toscana non è immune a questo ribasso. Anzi, con l'Emilia Romagna, regione con cui è accorpata nei settori energetici territoriali di Terna, segna una caduta di richiesta nel mese di ottobre 2012 pari a -3,3 Gwh. Scivolone, è vero, ma meno pesante se paragonato ad altre regioni a sud e a nord della penisola: -22,6 la Sardegna, – 6,1 il settore costituito da Liguria, Piemonte e Val d'Aosta.

Questo per quanto riguarda la situazione a ottobre 2012. Se guardiamo il progressivo dal 1 gennaio  al 31 ottobre 2012, la richiesta di energia di Emilia Romagna -Toscana segna un -2,0, Liguria, Piemonte e Val d'Aosta -7,3%, Sardegna -7,7. Lombardia sola regione in controtendenza, cresce la richiesta di energia elettrica di +1,2% a ottobre 2012, mentre nei primi 10 mesi dell'anno cresce di +2,2%.

In questo quadro si segnala la forte crescita delle rinnovabili sull'offerta generale di energia. Ad esempio, la produzione da fotovoltaico cresce del +82% rispetto al 2011. Nel complesso, a ottobre 2012 le rinnovabili hanno avuto una crescita di porduzione del +10% mese su mese, raggiungendo quota 6,2 contro 5,7% Twh. Decresce, seppur di poco, sempre a ottobre 2012, la produzione di energia eolica, mentre al 31 ottobre scorso l'aumento di quella eolica è pari a + 16,7 Twh; ripetto ai primi 10 mesi del 2011, l'incremento è dell'82%.

La quota che copre il fotovoltaico è, sul totale della domanda di elettricità del Paese dal gennaio all'ottobre 2012, di circa il 6,2%, mentre sulla porduzione netta totale la quota coperta è del 7%. In generale, sempre per la fascia temporarale gennaio-ottobre 2012, le energie alternative hanno coperto il 24,3% della domanda di energia elettrica nazionale.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »