energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Crisi, strategie di risparmio sul cibo: dalle scorte alla lista della spesa Breaking news, Economia

Roma –  Con un calo del 3,7% è il commercio alimentare a subire il taglio maggiore negli acquisti con il crollo degli acquisti nelle piccole botteghe (-5,1%) e la riduzione della grande distribuzione (-3,2%) mentre tengono solamente i discount (+0,4%). E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al commercio al dettaglio nel mese di agosto rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Coldiretti denuncia il crollo delle botteghe (-5,1%), mentre i discount registrano addirittura un lieve incremento delle vendite  (+0,4%). Si tratta del risultato del fatto che sei italiani su dieci hanno ridotto gli acquisti alimentari, per un totale di 15,4 milioni di famiglie costrette a tirare ulteriormente la cinghia negli ultimi due anni secondo l’anali Coldiretti/Censis dalla quale si evidenzia anche che quasi un italiano su tre accumula in casa riserve alimentari come non avveniva dai tempi di guerra, per un totale di 8,3 milioni di famiglie che fanno regolarmente scorta di prodotti in offerta con le promozioni, ai quali si aggiungono 14,3 milioni che lo fanno di tanto in tanto.

A far crollare il valore degli acquisti sono state le strategie di risparmio con la metà degli italiani (49,8  per cento) che dichiara di fare sempre la lista scritta della spesa ai quali si aggiunge un 34,5 per cento che la fa solo qualche volta per non essere travolto dagli acquisti di impulso. In questa direzione tra i comportamenti di reazione alla crisi ci sono forme di sobrietà nell’utilizzo dei cibi acquistati e cucinati come, ad esempio, – precisa la Coldiretti –  l’utilizzo di cibi avanzati preparati per precedenti pasti praticato da 22,8 milioni di famiglie, di cui 9,9 milioni lo fa regolarmente. Ma ci sono anche più di otto italiani su dieci (81 per cento) che acquistano di meno perché non buttano il cibo scaduto, con una percentuale che è aumentata del 18 per cento dall’inizio del 2014, secondo l’elaborazioni Coldiretti sulla base del rapporto 2014 di Waste watcher knowledge for Expo.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »