energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Crowdfunding e street art per Voce amica Firenze Cultura, Società

Firenze – Un progetto artistico contro la solitudine. Un legame sottile unisce l’arte a chi cerca aiuto. Mai come adesso il tema è così scottante. E proprio in questo momento il più antico servizio di ascolto telefonico “Voce amica Firenze” ha ideato una campagna di crowdfunding per sensibilizzare la popolazione verso questa attività, portata avanti da volontari e completamente gratuita, attraverso una mostra a cielo aperto di Ache77, street artist.

Fino al 29 marzo, si possono fare donazioni sulla piattaforma Eppela, www.eppela.com/diffondiunavoceamica, che permetteranno ad Ache77 di realizzare degli interventi d’arte diffusa in tutta la città di Firenze con opere sistemate nelle vetrinette e affissioni 6×3, a cura del Comune, per dare grande visibilità al servizio di ascolto telefonico, attivo dal 1964. Il simbolo del progetto è un nastro adesivo con la scritta fragile.

Il progetto fa parte dell’iniziativa Social Innovation Jam 2 di Fondazione CR Firenze, all’interno di Siamosolidali, in collaborazione con Impact Hub Firenze e Feel Crowd e promosso dal Comune di Firenze in partnership con Street Levels Gallery, di cui Ache77 è uno dei fondatori. La Fondazione CR Firenze, al raggiungimento di 7000 euro del crowdfunding, raddoppierà il budget così da permettere la realizzazione delle immagini di street art.

Voce amica Firenze, nel rispetto dell’anonimato e aperto a tutti, garantisce un servizio di ascolto alle persone più vulnerabili, isolate, con fragilità sociali. Al numero 055 2478 666 chiunque può trovare una voce amica disposta ad ascoltare.

L’associazione, che ha sede a Firenze, è attivo tutti i giorni, festività comprese, dalle 16 alle 6 del mattino seguente. I 70 volontari sono persone volenterose, accuratamente preparate con l’unico obiettivo di stabilire una relazione con chi telefona. Le circa 110.000 telefonate che ricevono all’anno provengono da tutto il territorio nazionale.

Foto di © Francesca Pignanelli

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »