energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Cucina: Jora Vess, pranzo a Km0 sulle colline di San Diego Cultura

Firenze – Andiamo a pranzo: tre portate con piatti cucinati all’italiana, ingredienti a chilometro zero, uova, frutta e verdure nell’orto, a due passi dalla cucina.

Sembra di trovarsi in qualche agriturismo della campagna toscana e invece siamo dall’altra parte del mondo, in una villa di San Diego, California. E dal patio dove è imbandita la tavola non si vedono le colline del Chianti, ma la El Cajon Valley nella zona nord orientale della città.

“Pranzo” è il titolo che Jora Vess e Phoebe von Reis , due amiche che condividono l’amore per l’Italia e la sua cucina, hanno scelto per la loro idea di invitare a pranzo il primo giovedì e il primo venerdì del mese le signore che desiderano assaggiare non solo i piatti toscani, ma anche un po’ di sano life-style italiano: “Ho imparato in Italia che prendersi un po’ di tempo per condividere un piatto gustoso con altre persone non è qualcosa da riservare solo per le vacanze”, dice Jora.

Lei e Phoebe passano lunghi periodi in Toscana con la famiglia. I Vess sono stati colti dal lockdown a Firenze e condividono con i fiorentini disagi e opportunità: “Sto lavorando a un libro di cucina, racconta -. Non è interamente italiano ma è molto influenzato dalla mia esperienza vissuta qui in Italia”. Nata in una cittadina balneare dell’Oregon, Jora ha vissuto prevalentemente a San Diego.

La passione per la cucina italiana è nata durante i soggiorni a Firenze?

Ho sempre amato mangiare e leggere di tutto sulla cucina italiana, ma vivere qui mi ha davvero mostrato che posto speciale è l’Italia dove creare cibo stagionale, locale e delizioso. I mercati e i piccoli negozi di alimentari sono così stimolanti. Adoro andare dai miei contadini preferiti a Sant’Ambrogio e fare shopping nella mia macelleria, panetterie e caseifici preferiti. La qualità degli ingredienti è molto migliore di quella che trovo di solito in California. E questi ingredienti di alta qualità sono disponibili e utilizzati da tutti, non solo da chef professionisti.

E’ una specie di vocazione che si è scoperta in età adulta…

Ho sempre amato leggere libri di cucina fin da bambina piccola e mi è piaciuto aiutare la mia mamma e altri parenti in cucina. Per lo più mi piaceva solo mangiare ed ero curiosa di sapere come preparare cibi saporiti! Sono diventata un avvocato e poi sono rimasta a casa con i miei tre figli. Ora cucinare i miei pasti in famiglia è una parte importante della mia giornata ed è qualcosa che prendo sul serio. Non preferisco comprare cibi pronti per loro, voglio che vedano e assaggino cibi veri e tradizionali.

Ha seguito qualche corso di cucina in Italia? 

Ho avuto la fortuna di aver seguito molti deliziosi corsi di cucina qui in Italia – i miei preferiti – sono stati con Marcella Ansaldo nel suo studio qui a Firenze, Giglio Cooking School. È molto artistica ma anche molto pratica nel suo insegnamento. E alla fine della lezione puoi sempre mangiare un bellissimo pasto con lei!

Come le è venuto in mente di lanciare l’iniziativa Pranzo? 

Con una mia amica (che ha vissuto in Toscana anche lei con la sua famiglia) volevamo condividere il nostro amore per il cibo e lo stile di vita italiano con le persone di San Diego. Abbiamo iniziato a offrire pranzi piccoli e intimi fuori casa due volte al mese con cibi stagionali, gustosi e sempre interamente fatti in casa. Questo è un po’ difficile da trovare negli Stati Uniti, purtroppo.

Quali sono i piatti che preferisce? 

Adoro il modo in cui gli italiani servono le verdure in generale. Ma i piatti preferiti probabilmente includono zuppe, carni cotte lentamente e ovviamente pasta! Un piatto che abbiamo apprezzato molto ultimamente sono gli spaghetti alle vongole. È una delle mie cose preferite da mangiare. Siamo stati fortunati a trascorrere alcune estati in Costiera Amalfitana e secondo me è il posto migliore per mangiare questo piatto. Un amico chef ha condiviso la sua tecnica con me e anche se la sua sarà sempre migliore, penso che mi sto avvicinando.

Il suo obiettivo è di  fondare a San Diego una scuola di cucina? 

No, in questo momento sono più interessata a cucinare e condividere il cibo con gli altri. Ma forse un giorno potrei evolvere e diventare una insegnante!

E’ vero che ha importato in California l’idea del prodotto a chilometro zero? 

Sì. Fare shopping e mangiare localmente ha senso per me dal punto di vista del gusto e dell’ecologia. Fortunatamente a San Diego, dove abitiamo, ci sono molti coltivatori di ortaggi nelle vicinanze. Inoltre, abbiamo giardini a casa nostra e alberi da frutta e polli per uova fresche. 

Le piace fare esperimenti nuovi variando piatti italiani? 

Sì, ma soprattutto sono ossessionata dall’apprendimento dei piatti e dei metodi tradizionali. Purtroppo non ho avuto una nonna italiana per imparare.

Quali sono i piatti che sta studiando in questo momento? 

Sto sperimentando molto con le zuppe. Adoro mangiare e servire zuppe alla mia famiglia ed è un piatto buono in ogni stagione!

Piace a San Diego la cucina italiana e il life-style ad essa collegata? Mi pare molto azzeccato il messaggio che accompagna Pranzo: indulgente e speciale come una innocente scappatella…

In un certo senso, sì. È un posto molto rilassato con bel tempo e molte colture crescono bene lì. Ha una certa atmosfera “mediterranea”. Ma non è un posto che apprezza molto il cibo fatto in casa, o il rituale di condividere pasti piacevoli con amici e familiari. Nessuno trascorre il tempo per creare cibo da zero e poi sedersi a un tavolo adeguato per gustarlo con gli altri. Ma a tutti piace il sapore del cibo italiano. È super popolare e facile da apprezzare.

Foto: Jora Vess

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »