energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Da Farsetti i grandi appuntamenti con l’arte Moderna e Contemporanea Breaking news, Cultura

Firenze – Ultime ore utili per visionare, nella sede di Prato in Viale della Repubblica,  le opere in esposizione che andranno all’incanto da Farsetti in occasione degli appuntamenti di oggi e di sabato 27 maggio dedicati all’Arte Moderna e Contemporanea e all’Arte Moderna. La prima sessione dell’asta n. 180 I sarà dedicata a “Dipinti, disegni, sculture grafica” e avrà inizio alle 15,30 di domani mentre sabato alle ore 11 l’appuntamento è con  l’Arte Contemporanea,in tutto 575 lotti  a seguire nel pomeriggio dalle 16.00 in poi l’Arte Moderna con  102 lotti.

La copertina per questo catalogo  è per Le recherche de l’absolu del 1948, opera matura di Renè Magritte, il cui titolo, come spesso accade, è ripreso dalla letteratura, ovvero dal libro di Balzac in  cui la vita di una famiglia è sconvolta dall’impresa della protagonista nella ricerca dell’Assoluto. L’albero-foglia è composto dei soli rami spogli in un paesaggio desolato ritratto insieme a un  sasso e alla tenda di una finestra, realizzata per il gallerista americano Alexander Iolas, l’opera racchiude tutti gli elementi della poetica del maggiore esponente del Surrealismo ed ha una stima di 650.000/850.000 euro.

Di Giorgio Morandi “ Fiori”, 1947 con una stima di  220.000/300.000,  “Natura morta” del 1956 stima 480.000/680.000  e “Paesaggio” 1942 stima 350.000/450.000, come ebbe a scrivere Franco Russoli dopo la scomparsa dell’artista “ ..la natura morta di Morandi è espressione poetica completa della vita e della cultura figurativa del nostro tempo. I suoi umili e usuali oggetti, incessantemente raffigurati, sono al tempo stesso oggetti amati nella loro apparenza reale e simboli formali; sono puri valori plastici e immagini dense di sentimenti in cui si riflette liricamente la storia del mondo di oggi”.  Realizzato nel 1964 “ Concetto spaziale, Attese” di Lucio Fontana rappresenta il punto di arrivo e al tempo stesso superamento dell’informale, opera cardine nella storia dell’arte del secondo dopoguerra, tre tagli, due quasi paralleli, uno traccia una diagonale, delineando un movimento sulla superficie azzurra, stima 470.000/600.000. Tra i protagonisti di questo appuntamento spicca il nutrito gruppo di  artisti francesi come Pierre-Auguste Renoir ma anche del Post impressionismo, Maximilien Luce, Jean Metzinger Henri Lebasque, Edouard Vuillard, Auguste Herbin, Louis Valtat, Gustave Loiseau, Henri Manguin, Camille Bombois, Maurice Utrillo, Max Pechstein,  e degli italiani Rosai, Campigli, Carrà, Sironi, Balla, Boccioni, De Pisis, Soffici, Casorati, Severini, Guidi, Baldessarri, fino a Capogrossi, Castellani, Bonalumi, Radice, Soldati. www.farsettiarte.it

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »