energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Da Parigi una risposta antistress: l’album da colorare Società

Parigi – Gli album da colorare? Ecco la nuova risposta antistress! Certo non quelli della nostra infanzia ma album dai disegni raffinati in cui gli adulti possono esercitare i loro talenti artistici, dimenticando così affanni e alleviando le loro ansie. Una proposta editoriale che sta incontrando uno straordinario successo soprattutto, almeno in Francia tra le donne giovani. Il ricorso a matite colorate per trovare riparo da una quotidianità spesso opprimente è diventato un fenomeno degno di nota e una fonte di guadagno non trascurabile per gli editori che lo propongono.

Per lo psicologo francese Jean-Pierre Royol, il “coloriage” sfonda tra gli adulti perché risponde a un crescente bisogno di evasione. “ Credo che traduce una reazione contro tutte le sollecitazioni professionali e della vita quotidiana. La gente, ha dichiarato al quotidiano parigino “Le Figaro”,   non vuole essere ridotta a una macchina da lavoro”.  Per la casa editrice Marabout che ha pubblicato titoli venduti a oltre 300.000 copie,  si tratta di offrire momenti di relax per evacuare lo stress , un’attività creativa a prezzi abbordabili. Non è il caso però, sottolinea Royol, di parlare di “art therapy”. “Del resto, dice, non prescriviamo mai il “coloriage” come strumento terapeutico” .

Se questa attività che sembrava relegata all’infanzia può ora essere riproposta con successo lo si deve anche alla qualità degli album proposti che nulla hanno a che fare con gli ingenui disegni proposti al bambini. Agli adulti vengono offerti da colorare infatti elaborati disegni che richiedono attenzione, dando l’impressione di essere uno strumento per sviluppare il proprio senso artistico anche se l’aspetto creativo si limita alla sola scelta dei colori.  Dopo aver suscitato entusiasmo nel mondo anglosassone e in Francia, ora questi album stanno cominciando ad affermarsi anche in Italia e a trovare echi   anche sui social networks dove gli adepti del “coloriage” si scambiano le loro esperienze. Non che manchino le perplessità…”ma datevi alla cucina: dimenticherete le vostre tensioni e rallegrerete chi vi sta vicino…”commenta un lettore su “ Le Figaro” mentre una lettrice, che sempre odiato da bambina colorare i disegni,  parla di “ regressione in cammino”.

Immagine: it.imagixs.com

Print Friendly, PDF & Email

Translate »