energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Dal 29 agosto al 26 settembre visite guidate a Radda in Chianti Turismo

Radda in Chianti (Siena) – Visitare le bellezze artistiche del comune di Radda in Chianti, dagli angoli più conosciuti a quelli più insoliti, per scoprirne storia, tradizioni, aneddoti e curiosità, in compagnia di esperti: è la proposta de “I tesori di Radda”, primo ciclo di itinerari guidati alla scoperta del territorio del Chianti, che si terrà da sabato 29 agosto al 26 settembre.

Tre appuntamenti, a cura dell’associazione culturale L’Asino D’oro, diretta dalla storica dell’arte Silvia Cortigiani (raddese di origini), in collaborazione con il Comune di Radda in Chianti, il Castello di Volpaia e la Confraternita di Misericordia: “Il cuore di Radda”, itinerario guidato nel centro storico, dentro le mura di Radda, da Palazzo del Podestà, con le carceri, alla parte più vecchia, il “castrum” (castello), alla Chiesa di San Niccolò, con il “Crocifisso miracoloso” (sabato 29 agosto);  “Il borgo medievale di Volpaia”, percorso nel rinomato borgo di Volpaia, di origine duecentesche, nato come “Spedale”, luogo di ristoro per viandanti e pellegrini dal Medioevo al Rinascimento, con visita eccezionale alla Commenda di Sant’Eufrosino (venerdi 11 settembre), e “Il convento e la chiesa dei frati a Radda”, ovvero l’itinerario nella chiesa di Santa Maria in Prato, nata in epoca altomedievale come piccolo oratorio per una sacra immagine della Vergine, ritenuta miracolosa (sabato 26 settembre).

Gli eventi si terranno alle ore 18.00. A ogni visita, seguirà un percorso enogastronomico in cui sarà possibile degustare le specialità locali, grazie alla collaborazione con il “Ristoro Bar-Ucci” a Volpaia e alla rinomata “Casa del Chianti Classico”, nell’ex convento di Radda.

A aprire l’iniziativa sarà “Il cuore di Radda”, pensato in occasione della tradizionale “Festa del Perdono”, a ingresso libero (su prenotazione obbligatoria a asino.oro@gmail.com; 328-3822431). Si visiterà il centro del paese, partendo dal palazzo podestarile, uno degli esempi più significativi di architettura rinascimentale nel Chianti, con i suoi archi, le colonne con i capitelli a foglia, gli stemmi in terracotta e l’affresco della Madonna e bambino con santi del XV secolo. Nella Propositura di San Niccolò, si racconterà la storia dell’edificio, dalle origini alto-medievali ai rifacimenti novecenteschi di stile Coppedè. Ritrovo presso piazza Francesco Ferrucci. A seguire, sarà possibile fare un aperitivo con buffet presso gli stand gastronomici dei giardini pubblici (aperitivo a pagamento).

“Il borgo medievale di Volpaia” sarà un percorso in cui si visiterà la Chiesa di San Lorenzo, vecchia e nuova, e la Commenda di Sant’Eufrosino, costruita nel XV secolo su modello di ispirazione michelozziana, raro esempio di architettura rinascimentale religiosa fiorentina nel Chianti. La chiesa sarà aperta appositamente per l’occasione. Si scopriranno momenti di vita dell’epoca, quando Volpaia era crocevia tra i comuni di Firenze e di Siena. Ritrovo presso piazza della Torre a Volpaia. A seguire, possibilità di aperitivo con buffet di specialità tipiche della zona presso Ristoro Bar-Ucci.

A chiudere sarà “Il convento e la chiesa dei frati a Radda”, la visita alla Chiesa di Santa Maria in Prato, nata in epoca altomedievale come piccolo oratorio per una sacra immagine della Vergine, ritenuta miracolosa, e divenuta chiesa vera e propria nel XV secolo, per poi ampliarsi a inizio del XVIII secolo, quando è stato costruito l’annesso convento francescano. All’interno è conservata, tra gli altri arredi sacri, una tavola dipinta raffigurante una Madonna e Santi, opera di Neri di Bicci, commissionata proprio per questa chiesa nel 1474 ad uno dei più attivi pittori del Rinascimento fiorentino. La visita guidata proseguirà nell’ex-convento, attuale “casa” del  Gallo Nero, con breve percorso guidato alla degustazione del vino. Ritrovo di fronte alla Chiesa di Santa Maria in Prato, in via del Convento.

Tutte le visite sono su prenotazione obbligatoria a asino.oro@gmail.com; 328-3822431. Ingresso libero per “Il cuore di Radda”, a pagamento per glia appuntamenti dell’11 e 26 settembre, 7 euro intero, 5 euro ridotto per over 65, abitanti del comune di Radda, gratuito under 18. Nel prezzo della visita non è incluso il prezzo dell’aperitivo.

L’Asino d’oro, diretto da Silvia Cortigiani, è un’associazione culturale, con sede in Toscana, che promuove la conoscenza e la valorizzazione del territorio e del patrimonio artistico. Ne fanno parte storici d’arte, architetti ed esperti nell’organizzazione e promozione di eventi culturali.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »