energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Dalla Comunità delle Piagge un appello: “Un fondo di solidarietà per i detenuti” Breaking news, Cronaca

Firenze – La crisi scatenata dal Covid-19 ha colpito duramente, fra gli altri, anche i detenuti e le detenute di Sollicciano. In particolare, al 18 aprile erano 299, le persone in carcere  con meno di un euro al giorno disponibile sul conto corrente interno. La situazione è aggravata dalla sospensione, causa Coronavirus, di ogni spazio di scambio, di incontro e di lavoro, dalla chiusura dei colloqui e dall’assenza dei contributi come cibo, vestiti ed effetti personali che normalmente arrivano dalle famiglie o dagli esterni.

La denuncia proviene dalla Comunità delle Piagge, che da oltre 25 anni sostiene i detenuti fiorentini. E’ dalla voce di don Alessanro Santoro che giunge l’appello “per la costituzione di un “Fondo di Solidarietà per i detenuti indigenti di Sollicciano” affinché ai 299 reclusi “senza niente” possa arrivare un minimo vitale ma anche un segnale di attenzione e di cura da parte di tutti noi”.

La Comunità delle Piagge ha deciso di destinare al fondo una dotazione iniziale di 3.000 euro. L’obiettivo minimo, considerato il numero delle persone da aiutare, è di arrivare a raccogliere 7.500 euro, cioè 25 euro per ogni indigente. Per aderire basta un versamento sul conto corrente postale intestato alla Comunità di Base delle Piagge (Iban: IT10R0760102800000024725509) o via https://www.paypal.me/comunitadellepiagge, sempre con la causale “Detenuti indigenti”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »